Il sultano Qaboos, l'uomo che ha modernizzato l'Oman

È morto dopo quasi 50 anni di governo indisturbato trasformando quello che allora era il Paese più povero della penisola araba. Non ha lasciato eredi e sul trono è salito ora suo cugino Haitham ben Tarek

chi era sultano oman qaboos 

AFP
Sultano dell'Oman, Qaboos

Il sultano Qaboos, scomparso ieri dopo aver governato indisturbato l'Oman per quasi 50 anni, ha modernizzato il suo Paese e ha forgiato il suo status di mediatore regionale, neutrale e rispettato nel Golfo e sulla scena internazionale. Il sultano, che soffriva di un cancro al colon che richiedeva frequenti ricoveri in Europa, non aveva eredi ed è stato sostituito dal cugino Haitham ben Tarek.

Situato tra Iran e Arabia Saudita, il sultanato dell'Oman è una delle rare petromonarchie del Golfo a mantenere buone relazioni con Teheran, cosa che ha portato i principali Paesi occidentali a consultarlo sul dossier nucleare o per il rilascio di ostaggi, soprattutto nel vicino Yemen.

Nato il 18 novembre 1940 a Salalah, nella provincia meridionale di Dhofar, dove ha studiato, Qaboos bin Said è entrato alla Royal Military Academy di Sandhurst, in Gran Bretagna, all'età di 20 anni, e lì si è diplomato con il grado di tenente dopo due anni di studi. Ha poi trascorso un anno con un battaglione dell'esercito britannico di base in Germania. Quando tornò in patria nel 1964, il Paese era strettamente controllato dal padre, rigidamente conservatore.

Il 23 luglio 1970, dopo aver rovesciato il padre, salì al trono e si impegnò a modernizzare quello che allora era il Paese più povero della penisola arabica, e iniziò ad esportare petrolio per trasformarlo da 'paria' internazionale a snodo chiave della penisola arabica. Divenuto l'ottavo sovrano della dinastia Al Bou Said, al potere dal 1749, proclamò il "Sultanato dell'Oman", e non piu' "il Sultanato dell'Oman e del Moscato", una terminologia che ricordava l'eterna divisione del suo Paese, e cambiò bandiera e moneta.

Ha fatto appello ai pochi laureati locali e ha esortato gli omaniti in esilio a tornare a fondare un governo e a iniziare lo sviluppo del Paese, che all'epoca mancava di strade, scuole e ospedali. "Nei primi anni, andava di villaggio in villaggio e parlava ogni settimana alla radio, che all'epoca era l'unico modo per raggiungere l'intera popolazione", spiega l'analista Omani Ahmed al-Mukhaini.

L'inizio del suo regno è stato segnato dalla ribellione del movimento marxista di Dhofar, da lui sconfitto nel 1975 con l'aiuto dello scià iraniano Mohammed Reza Pahlavi, che inviò circa 3 mila soldati in Oman. In seguito, il sultano ha mantenuto buoni rapporti con la Repubblica Islamica dell'Iran, che si trova proprio di fronte alle sue coste, dall'altra parte dello strategico stretto di Hormuz.

In particolare, a differenza di altri leader arabi, ha adottato una posizione di neutralità nel conflitto Iran-Iraq (1980-88). Questi rapporti con Teheran le consentono di offrire la sua mediazione, come quella che consisteva nell'ospitare contatti segreti tra l'Iran e gli Stati Uniti, che hanno portato all'accordo internazionale del 2015 sul programma nucleare iraniano.

Nel 1994, il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin si è recato a Mascate su invito del sultano. A questa iniziativa ha fatto seguito nel 1996 lo scambio con Israele degli uffici commerciali di Mascate e Tel Aviv. Tuttavia, sono stati chiusi nel 2000 all'inizio della seconda Intifada (rivolta palestinese). Il sultano ha anche ricevuto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu nell'ottobre 2018, senza che ciò abbia portato alla riapertura di questi uffici.

Nonostante la sua relativa prosperità, l'Oman, grazie alle sue risorse petrolifere, non è stato risparmiato dalla contestazione sulla scia delle primavere arabe. Qaboos ha risposto nel 2012 con un importante rimpasto di gabinetto, compreso il licenziamento dei ministri accusati di corruzione. Cumulando tutti i poteri, è stato capo dello Stato e capo del Governo, ministro degli Affari Esteri, della Difesa e delle Finanze.

Un "Majlis al-Shoura" (Consiglio consultivo) è stato eletto per la prima volta nel 2003 a suffragio universale diretto. Il sultano Qaboos, sposato per un breve periodo nel 1976 con una cugina, non ha avuto figli. E questo ha sollevato il problema della successione. Secondo la costituzione adottata nel 1996, la famiglia regnante deve riunirsi in caso di posto vacante al potere per scegliere un successore entro tre giorni. E così è stato. Se ci fosse stato disaccordo, il Consiglio dell'Oman, composto dal Majlis al-Shoura e dal Consiglio di Stato, avrebbe aperto il testamento del sultano e nominato successore la persona da lui designata nelle ultime volontà.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it