Il pulsante anti-molestie per le cameriere degli alberghi americani

Il primo Stato a varare la misura contro le aggressioni in hotel sarà il New Jersey, ma altri seguiranno

cameriere hotel pulsanti anti molestie
LARS NIKI / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP
Phil Murphy

Il New Jersey sarà il primo stato americano (e il primo nel mondo) a richiedere ufficialmente dei pulsanti antiaggressione per i lavoratori degli hotel. La scelta è stata presa già nel 2018, a seguito dell’ennesima aggressione avvenuta ai danni di una addetta alle pulizie di 51 anni all’hotel/casinò Ballys di Altlantic City; un uomo l’avrebbe rinchiusa in stanza e avrebbe abusato di lei.

Come scrive la NBC, “Il governatore del New Jersey Phil Murphy martedì ha firmato un disegno di legge martedì per obbligare gli hotel a fornire ai propri lavoratori pulsanti antipanico che possano premere per chiamare rapidamente aiuto in caso di emergenza”. Un segnale recepito non solo da altri stati, come Illinois, Florida e Washington, ma anche da due delle più importanti catene alberghiere del mondo, Marriott e Hilton, che hanno già annunciato che si adegueranno alla norma in tutti gli stati dove sono presenti, anche senza la necessità di una legge ad hoc.

"Sono orgoglioso di firmare la legge sul pulsante antipanico per garantire la sicurezza degli operatori alberghieri e la possibilità di chiedere aiuto immediatamente se ne hanno bisogno" ha dichiarato il governatore Murphy pubblicamente, circondato da una governante di ognuno dei nove hotel/casinò di Atlantic City.

La legge entrerà in vigore a gennaio e dovrà essere osservata alla lettera da qualsiasi struttura alberghiera con più di 100 camere. “Un successo - secondo Daksha Parikh, cameriera allo storico Tropicana - Se pensi che qualcosa non va, puoi spingerlo e l'aiuto arriverà”.

Una legge che serve a protezione di una categoria di lavoratori che ne ha molte da raccontare “Alle volte, quando busso alla porta per le pulizie – prosegue Daksha – mi dicono di entrare e si fanno trovare senza vestiti o mentre guardano porno sui loro tablet”; Iris Sanchez, una governante del famoso Caesar, racconta invece di quando dietro la porta di una camera ha trovato due cani feroci che l’hanno assalita. Soddisfatto dunque il presidente del sindacato Bob McDevitt che ha sottolineato quanto questa misura sia importante per le donne, costrette ad affrontare fino ad oggi ogni giorno un pericolo estremamente reale riguardo le molestie sessuali. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.