Il Parlamento europeo approva la Brexit. Tra due giorni Londra lascerà l'Ue ​

L'approvazione è avvenuta a larga maggioranza. Momenti di forte emozione in aula dove la plenaria si è alzata per intonare il "Valzer delle candele"

brexit parlamento europeo 
CREDITJOHN THYS / AFP
Nigel Farage

Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza l'accordo di recesso del Regno Unito dall'Unione europea. I voti favorevoli sono stati 621, i contrari 49, gli astenuti 13. L'addio di Londra all'Ue il 31 gennaio prossimo, tra due giorni. 

Momenti di forte emozione al Parlamento europeo, dopo l'approvazione dell'accordo sulla Brexit. Tutta la plenaria si è alzata in piedi per cantare il Valzer delle candele ("Auld Lang Syne"), la tradizionale canzone scozzese che viene cantata nella notte di capodanno per dare addio al vecchio anno e in occasione dei congedi, delle separazioni e degli addii. "Auld Lang Syne" è considerata la canzone della fratellanza. Il testo è un invito a ricordare con gratitudine i vecchi amici e il tempo passato insieme. In Francia è conosciuta con il titolo "Ce n'est qu'un au revoir" (Non è che un arrivederci).

 "Dirsi addio è troppo impegnativo e definitivo. E' per questo che dico solo arrivederci". Lo ha detto il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, dopo che la plenaria ha approvato l'accordo Brexit. "Abbiamo molto di più in comune di quanto ci divide", ha aggiunto Sassoli: "lasciate l'Unione Europea ma continuerete a far parte dell'Europa per i valori che ci tengono insieme e che ci uniscono profondamente".

Sassoli ha ricordato che dopo il voto dell'Europarlamento ora tocca al Consiglio domani "concedere la sua approvazione formale" per terminare il processo di ratifica dell'accordo. "Siamo tutti rattristati profondamente dal pensare di essere arrivati a questo punto e che un membro e partner di lunga data dell'Ue abbia deciso di lasciare la famiglia dell'unione", ma "abbiamo pienamente rispetto la decisione del Regno Unito", ha detto Sassoli.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it