Boris Johnson avverte la Ue: "Compromesso sulla Brexit o sarà no deal"

Il nuovo premier britannico ha poi promesso al suo omologo irlandese che non verrà ristabilita una frontiera tra le due Irlande

brexit johnson no deal

La posizione da ultimatum del premier britannico, Boris Johnson, sulla Brexit non accenna ad ammorbidirsi. Durante la sua visita in Galles, ha ribadito che il prossimo passo nei negoziati sulle condizioni di uscita del Regno Unito spetterà a Bruxelles. "Sta alla Ue", ha aggiunto, "è il loro turno" di dirci se vogliono una Brexit no deal. "Se non possono scendere a compromesso", ha avvertito Johnson, "allora dobbiamo chiaramente prepararci per un'uscita senza accordo".

Johnson, ha poi promesso al suo omologo irlandese, Leo Varadkar, che anche se il Regno Unito uscirà dalla Ue senza accordo, il 31 ottobre, "non ristabiliremo mai controlli o infrastrutture fisiche al confine". Si tratta della prima conversazione tra i due leader da quando Johnson è arrivato a Downing Street. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it