La Camera dei Comuni ha bocciato l'accordo sulla Brexit

432 i voti contrari. Theresa May convinta di avere ancora l'appoggio del Parlamento per governare. Il leader laburista Corbyn: "Sconfitta catastrofica per il governo", e presenta una mozione di sfiducia che sarà discussa domani

La Camera dei Comuni ha bocciato l'accordo sulla Brexit 

La Camera dei Comuni ha bocciato l'accordo sulla Brexit di Theresa May. 432 i voti contrari. 

"Una sconfitta catastrofica per il governo", così ha commentato il leader dei laburisti, Jeremy Corbyn, commentando la bocciatura dell'intesa voluta dalla premier Theresa May su Brexit. Corbyn inoltre ha presentato una mozione di sfiducia, che sarà discussa domani, contro il governo dopo la pesante bocciatura dell'intesa su Brexit.

"Se un accordo è impossibile, e nessuno vuole nessun accordo, allora chi avrà finalmente il coraggio di dire qual è l'unica soluzione positiva?". Lo scrive il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, commentando il 'no' di Westminster su Brexit.

"Il rischio di un ritiro disordinato del Regno Unito è aumentato con il voto di questa sera". Lo dice il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, dopo il voto della Camera dei Comuni dell'accordo sulla Brexit.
Juncker ha chiesto con urgenza "al Regno Unito di chiarire le sue intenzioni il piu' presto possibile. Il tempo è quasi finito", ha detto Juncker in una nota.

La Camera dei Comuni ha bocciato l'accordo sulla Brexit 
 (Afp)
  Una manifestante all'esterno della Camera dei Comuni dopo il voto sull'accordo sulla Brexit del governo May il 15 gennaio 

Il voto di stasera della camera dei Comuni sulla Brexit è "storico" e "cambierà il futuro delle nostre generazioni per decenni". Così la premier britannica, Theresa May, si era espressa nell'ultimo appello in cui invita a rispettare la scelta "democratica" del popolo britannico nel referendum del 2016.

"La responsabilità di ognuno di noi in questo momento è enorme", ha avvertito, aggiungendo che un secondo referendum sulla Brexit porterebbe a "ulteriori divisioni". May ha escluso elezioni, che non farebbero altro che aumentare l'incertezza.

 "Il Parlamento britannico ha detto ciò che non vuole. Ora è il momento di scoprire che cosa vogliono i parlamentari britannici. Nel frattempo, i diritti dei cittadini devono essere salvaguardati". Lo scrive su Twitter il negoziatore per il Parlamento europeo su Brexit, Guy Verhofstadt, commentando il voto di Westminster.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.