I vent'anni della moneta unica secondo i vertici europei

Il 1 gennaio 1999 l'euro entrava in circolazione in 11 nazioni. Per Draghi e Juncker è stata una storia di successo, che deve però essere ancora completata

I vent'anni della moneta unica secondo i vertici europei

L'euro compie oggii 20 anni. La moneta unica è stata lanciata il primo gennaio 1999 in 11 paesi europei, inizialmente solo per le transazioni contabili e finanziarie, e tre anni più tardi anche come banconota e moneta di uso comune. L'anniversario è ricordato in un comunicato della Commissione europea in cui si evidenzia che "questo momento storico è stato la pietra miliare di un viaggio che aveva l'ambizione di assicurare stabilità e prosperità all'Europa.

Oggi, ancora giovane, l'euro è la valuta di 340 milioni di europei utilizzata in 19 Stati membri. Ha portato vantaggi tangibili a famiglie, imprese e governi europei: prezzi stabili, costi di transazione inferiori, risparmi protetti, mercati più trasparenti e competitivi e aumento degli scambi.

Circa 60 Paesi in tutto il mondo collegano le loro valute all'euro in un modo o nell'altro, e stiamo facendo di più per consentire all'euro di svolgere completamente il suo ruolo sulla scena internazionale. Si prevede che altri Stati membri dell'Ue aderiranno all'area dell'euro non appena avranno soddisfatto i criteri previsti".

"Completare l'unione monetaria"

"In quanto rappresentante di uno degli unici firmatari del trattato di Maastricht ancora politicamente attivo", dice Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, "ricordo i duri e combattuti negoziati per il lancio dell'Unione economica e monetaria.

Più di ogni altra cosa, ricordo la profonda convinzione che avevamo di stare aprendo un nuovo capitolo nella nostra storia comune. Un capitolo che modellerà il ruolo dell'Europa nel mondo e il futuro di tutta la sua gente. A 20 anni di distanza, sono convinto che questa sia stata la firma piu' importante che io ho mai realizzato. L'euro è diventato un simbolo di unità, sovranità e stabilità. Ha portato prosperità e protezione ai nostri cittadini e dobbiamo garantire che continui a farlo. Ecco perché stiamo lavorando duramente per completare la nostra Unione economica e monetaria e per rafforzare ulteriormente il ruolo internazionale dell'euro".

L'euro, sottolinea Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, "è più popolare oggi che mai: tre cittadini su quattro ritengono che sia positivo per la nostra economia. Affinché gli europei possano beneficiare pienamente dei posti di lavoro, della crescita e della solidarietà che porterà la moneta unica", aggiunge, "dobbiamo completare la nostra Unione economica e monetaria attraverso un'autentica Unione finanziaria, fiscale e politica. Ciò consentirà inoltre all'Europa di proteggere meglio i suoi cittadini da potenziali crisi future". 

Secondo Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, "la creazione dell'euro 20 anni fa - insieme alla liberazione dell'Europa centrale e orientale e alla riunificazione della Germania - è stato un momento cruciale nella storia europea. Da allora", osserva, "la nostra moneta comune è diventata una potente espressione dell'Unione europea come forza politica ed economica nel mondo. Nonostante le crisi, l'euro si è mostrato resiliente e gli otto membri che hanno aderito agli 11 hanno goduto dei suoi benefici. Mentre il mondo continua a cambiare, continueremo a migliorare e rafforzare la nostra Unione economica e monetaria".

Un futuro ancora in fase di scrittura

L'euro, sottolinea il presidente della Bce, Mario Draghi, "è la conseguenza necessaria e logica del mercato unico. Rende più facile viaggiare, commerciare e negoziare all'interno dell'area dell'euro e oltre. Dopo 20 anni, c'eè una generazione che non conosce altra valuta domestica. Durante questo periodo, la Bce ha svolto il compito principale di mantenere la stabilità dei prezzi. Ma contribuiamo anche al benessere dei cittadini dell'area dell'euro sviluppando banconote sicure e innovative, promuovendo sistemi di pagamento sicuri, controllando le banche per garantire che siano resilienti e controllino la stabilità finanziaria nell'area dell'euro".

La moneta unica, rileva il presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno, "è stata una delle più grandi storie di successo europee. Non ci sono dubbi sulla sua importanza e sul suo impatto nei primi due decenni della sua storia. Ma il suo futuro è ancora in fase di scrittura, e questo ci impone una responsabilità storica.

L'euro e la stretta cooperazione economica che esso comporta si sono evoluti nel tempo, superando le sfide a suo modo. Ha fatto molta strada dall'inizio, e ha visto importanti cambiamenti sulla scia della crisi per aiutarci a superare le difficoltà. Ma questo lavoro non è ancora finito, richiede continui sforzi di riforma nei bei tempi e nei tempi difficili. Non ci possono essere dubbi sulla nostra volontà politica di rafforzare l'Unione economica e monetaria. Dobbiamo essere preparati a ciò che il futuro potrebbe contenere: lo dobbiamo ai nostri cittadini", conclude.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it