Possibile che Tesla sia una grande bolla finanziaria? 

La società di Musk ha ancora bilanci in negativo, auto ritirate dal mercato e cominciano i primi licenziamenti (Il Sole 24 Ore). Eppure per il mercato le dà un'apertura di credito infinita (Forbes, Cnbc

Possibile che Tesla sia una grande bolla finanziaria? 

La società di Elon Musk ha attraversato un ottobre che avrebbe abbattuto un toro: la produzione che ritarda, i licenziamenti senza preavviso di centinaia di lavoratori, auto richiamate per sistemi di sicurezza inceppati. Eppure. Eppure in borsa sembra che nulla di tutto questo sia successo. Di solito notizie così sono lacrime per le case automobilistiche. Per Tesla (che casa automobilistica è, per quanto sui generis) no: le sue azioni valgono 355,57 dollari: da inizio mese hanno guadagnato il 4%, nell'ultimo anno l'83%.

Il lancio difficile della Model 3, il modello 'pop' 

Il 28 luglio, Tesla ha battezzato la produzione della Model 3, la sua auto meno costosa. Quella che dovrebbe rendere le elettriche connesse un desiderio raggiungibile. Lo show si era concluso con la consegna delle prime 30 vetture, quasi tutte destinate però a dipendenti. La Model 3 si è proposta come la prima Tesla popolare (anche se costa 35 mila dollari). Ecco perché la società ha parlato di numeri e obiettivi notevoli: 1500 pezzi da produrre entro settembre, 20 mila al mese da dicembre e 500 mila unità in tutto il 2018. Quante ne ha assemblate a settembre? 260 unità, meno di un quinto del previsto (Il Sole 24 ore).  

Possibile che Tesla sia una grande bolla finanziaria? 

Il richiamo della Model X, il suv coi sedili che non vanno

Il 12 ottobre un'altra brutta notizia: Tesla richiama 11 mila Model X (il Suv della casa) per problemi di bloccaggio ai sedili. In fase di frenata potrebbero diventare pericolosi. Per la società il malfunzionamento riguarderebbe solo il 3% delle vetture prodotte tra il 28 agosto 2016 e il 16 agosto 2017. Ma meglio non rischiare. Non è il primo inciampo di questo tipo: ad aprile erano stati richiamate 53 mila Model X e Model S per un problema al freno a mano.

A ottobre i primi licenziamenti

Passano due giorni e, il 14 ottobre, la società annuncia senza preavviso il licenziamento di centinaia di dipendenti. Tesla non dice quanti, ma sarebbero tra i 400 e i 700. Motivo: “Una revisione annuale sulle prestazioni dei lavoratori”. Una mossa singolare in un momento in cui gli impianti dovrebbero moltiplicare la capacità produttiva (Fanpage).

Possibile che Tesla sia una grande bolla finanziaria? 

I bilanci, mai in attivo

A tutto questo si aggiunge un bilancio mai in attivo. Nell'ultima trimestrale il fatturato derivato dalle vendite di auto è raddoppiato, superando i 2 miliardo di dollari. Ma sono aumentate oltre il previsto anche le perdite nette: 336,4 milioni di dollari (Il Sole 24 Ore).

Ma mercato però dà a Tesla un apertura di credito sterminata

Il mercato sembra però avere nei confronti di Musk un'apertura di credito sterminata. L'analista di Morgan Stanley Adam Jonas ha alzato il prezzo obiettivo delle azioni Tesla da 317 a 379 dollari. E così un gruppo che, fino a ora, ha prodotto poche decine di migliaia di auto, ha una capitalizzazione che sfiora i 60 miliardi di dollari. Oltre Ford (che ha un fatturato 20 volte quello di Tesla ma una capitalizzazione di 47 miliardi) e poco sotto General Motors (66 miliardi).

Forbes elenca 5 ragioni per cui Tesla è una bolla. Gli analisti hanno dato ragioni simili su Cnbc, mentre solo qualche mese fa il sito finanziario riportava opinioni diverse. Dubbi più moderati, e decisamente meno catastrofisti, su Business Insider. Voci che si rincorrono in questo periodo, ma difficile riuscire ad orientarsi in questo momento di confusione

È vero, la creatura di Musk è, nonostante l'età, una startup. E come tale non può essere valutata solo guardando l'ultima riga di bilancio ma anche in base ai suoi progressi. Per questo la Model 3 è una prova di maturità che già attende Tesla al prossimo confronto, la trimestrale del 25 ottobre. Nel frattempo, però, forse varrebbe la pena non escludere un dubbio: e se Tesla fosse una bolla?  



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it