Nel 2022 le vendite delle auto rimbalzeranno in Europa del 7,9%   

Nel 2022 le vendite delle auto rimbalzeranno in Europa del 7,9%   

L'Associazione europea dei produttori di automobili, Acea, stima 10,5 milioni di immatricolazioni di autovetture nell'Ue dopo un anno molto debole a 9,7 milioni nel 2021

auto vendite delle auto rimbalzeranno in europa del 7,9% 

© Sameer Al-DOUMY / AFP 
- Stabilimento della Renault 

AGI - Le vendite di auto dovrebbero rimbalzare del 7,9% nell'Unione europea nel 2022, anche se resteranno lontane dal loro livello del 2019: è questa la nuova previsione dell'Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA). 

"Con la stabilizzazione dell'offerta di chip elettronici", sono stimate 10,5 milioni di immatricolazioni di autovetture nel 2022, dopo un anno molto debole a 9,7 milioni nel 2021.

Mentre la Commissione europea presenta la sua strategia per aumentare la produzione di semiconduttori (il "Chips act"), con diverse decine di miliardi di euro di investimenti in gioco, Acea chiede all'Unione di "ridurre la sua dipendenza dai fornitori non europei per evitare tali danni in futuro".

Dopo un forte calo nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19, il mercato dell'auto è stato paralizzato in Europa e in America nel 2021 da questa carenza di chip elettronici, principalmente prodotti in Asia, ed essenziale per la fabbricazione di automobili che sono sempre più dotate di tecnologia.

Ma la quota di ibridi plug-in e di veicoli elettrici ha continuato a crescere, e ora rappresentano una su cinque nuove auto vendute nell'UE.

"Rimane un mercato fragile, molto dipendente dalle sovvenzioni all'acquisto e, soprattutto, dalla disponibilità di una rete di ricarica", ha detto il presidente dell'ACEA e CEO di BMW Oliver Zipse in un comunicato.

Mentre la Commissione europea ha proposto la fine delle auto a benzina e diesel entro il 2035, il Parlamento europeo e i governi nazionali stanno discutendo gli standard continentali per la diffusione delle stazioni di ricarica elettrica.

Acea esorta così il Parlamento europeo e il Consiglio a "rafforzare significativamente" la proposta della Commissione europea, "per garantire che l'Europa possa costruire una rete di ricarica sufficientemente densa".

La Commissione ha proposto nel 2021, come parte del suo pacchetto "Fit for 55", che ogni paese dovrebbe avere almeno 1 kilowatt di potenza di ricarica per veicolo sulle sue strade, e che le stazioni di ricarica dovrebbero essere installate ogni 60 chilometri sulle principali reti stradali entro il 2026.

"Le vendite di auto elettriche sono aumentate di 10 volte tra il 2017 e il 2021, mentre il numero di stazioni di ricarica nell'UE è cresciuto meno di 2,5 volte", ha sottolineato Oliver Zipse. "Se non si introducono obiettivi ambiziosi per tutti gli stati membri dell'UE, si creerà presto un grosso ostacolo".