agi live
La Francia ha deciso di tornare al carbone. Per un po'

La Francia ha deciso di tornare al carbone. Per un po'

La misura "sarà strettamente limitata ai mesi di gennaio e febbraio 2022" e "non cambierà il calendario per la chiusura delle centrali a carbone", ha detto il ministero della transizione ecologica 

Francia governo aumenta utilizzo carbone

© Nicolas TUCAT / AFP

 
- Una centrale a carbone francese disattivata per essere convertita a biomassa

AGI - Il governo francese incrementerà temporaneamente l'utilizzo di carbone durante l'inverno per garantire l'approvvigionamento di elettricità. È quanto prevede un decreto pubblicato nella Gazzetta ufficiale.

La misura "sarà strettamente limitata ai mesi di gennaio e febbraio 2022" e "non cambierà il calendario per la chiusura delle centrali a carbone", ha detto il ministero della transizione ecologica all'inizio di gennaio. La decisione arriva in un momento in cui la fornitura di elettricità del Paese è particolarmente sotto pressione a causa della bassa disponibilità del parco nucleare, che fornisce circa il 70% dell’elettricità francese.

La legge sul clima del 2019 aveva fissato una soglia annuale di 0,7 chilotonnellate di biossido di carbonio equivalente per megawatt di capacità elettrica installata, segnando la fine graduale della generazione di elettricià da carbone, che è già molto limitata. Questo tetto di emissioni di gas a effetto serra "corrisponde a circa 700 ore di funzionamento annuale per una centrale termica a carbone", ha spiegato il governo.

Secondo il testo pubblicato domenica, il tetto è portato a una chilotonnellata fino alla fine di febbraio per coprire il picco di consumi invernale. "Questo corrisponde a circa 1.000 ore di funzionamento durante questo periodo" delle centrali a carbone, spiega il governo. Il presidente Emmanuel Macron aveva promesso di chiudere le ultime centrali a carbone entro il 2022.

"Gli impianti di Le Havre e Gardanne sono già stati chiusi e l'impianto di Saint-Avold chiuderà come previsto nella primavera del 2022", ha detto il ministero della transizione ecologica a gennaio. La centrale di Cordemais (Loire-Atlantique) potrebbe continuare a funzionare fino al 2024, nonostante gli impegni del governo, a causa del rischio di tensioni sulla rete, data in cui il reattore nucleare Epr di Flamanville entrerà in servizio.