La batosta del caro bollette si abbatte su famiglie e imprese

La batosta del caro bollette si abbatte su famiglie e imprese

La vivacità dei consumi nel periodo delle feste rischia di subire una brusca frenata: i rincari dell'energia peseranno per 11 miliardi sulle famiglie e del +40% sulle spese delle aziende

batosta caro bollette su famiglie imprese

© Tommaso Di Girolamo / Agf -

AGI - La vivacità dei consumi che sta caratterizzando il periodo natalizio rischia di subire un brusco e pesante stop.

Il caro-bollette derivante dalla crisi dei mercati dell'elettricità e del gas e la corsa dell'inflazione che, in considerazione degli aumenti attesi già per gennaio, rischia di superare nella parte iniziale del prossimo anno il 4%, potrebbero presentare nel 2022 un conto salatissimo per le famiglie e le imprese del terziario: una maggiore spesa energetica di oltre 11 miliardi per le prime e aumenti di elettricità e gas intorno al 40% per le seconde.

Questo, in sintesi, quanto emerge da un'analisi di Confcommercio sugli effetti della ripresa inflazionistica e del caro-bollette sulle famiglie e sulle imprese del terziario.

Secondo Confcommercio, le tensioni sui beni energetici, iniziate nella parte finale del 2020 e in un primo tempo considerate transitorie in quanto attribuite alla ripresa della domanda, si sono fatte, negli ultimi mesi, sempre più intense, con un impatto rilevante sia sui conti delle famiglie sia delle imprese.

"Il fenomeno - avverte la confederazione - rischia di attenuare in modo rilevante la crescita per il 2022. Il prossimo anno, infatti, l'impatto sia sulla spesa delle famiglie sia su quella delle imprese sarà ancora più consistente di quello già subito nel 2021".

Quanto abbiamo speso e quanto spenderemo per le bollette

Se nel 2020 le famiglie italiane hanno speso in media 1.320 euro per le spese per energia elettrica e gas (pari al 4,7% della spesa totale annuale) l'esborso è salito a 1.523 euro nel 2021 con un aumento di oltre 200 euro.

Ancora più difficile appare la situazione in prospettiva: nel 2022 questa cifra dovrebbe salire a quasi 1.950 euro (+426 euro rispetto al 2021) arrivando a rappresentare il 6,1% dei consumi.

"Questo esborso aggiuntivo, in aggregato, cioè per il complesso dei quasi 26 milioni di nuclei familiari, si tradurrebbe in una maggiore spesa energetica, determinata dalla sola componente di prezzo, di oltre 11 miliardi di euro nel 2022. Considerando questa spesa come difficilmente comprimibile da parte delle famiglie - prosegue Confcommercio - è presumibile che le stesse siano costrette a rinunciare ad altre spese tra quelle non obbligate, prolungando le difficoltà di settori già duramente colpiti dalla pandemia. Inoltre, il raffronto tra la maggiore spesa aggregata e gli stanziamenti previsti dal governo per attenuarne gli impatti - tra 3 e 4 miliardi di euro nel complesso di famiglie e piccole imprese - evidenzia la relativa esiguità del pure importante intervento di sostegno".

Per Confcommercio, quindi "sembra inevitabile sia un ripensamento delle politiche energetiche sia una diversa strategia di prezzo per i relativi consumi".

Le conseguenze per le aziende

Le ripercussioni del trend rialzista di eletticità e gas sulla bolletta energetica rappresenta una vera e propria emergenza per le aziende. In assenza di misure di contenimento, per il prossimo primo trimestre 2022 si stimano incrementi dei costi dell'elettricità e del gas compresi tra il 38% e il 42%.

La Confcommercio fa alcuni esemp:

  • Per un negozio con potenza impegnata di 35 chilowatt e consumo annuo 75 mila chilowattora, la maggiore spesa per la bolletta elettrica sarebbe di oltre 6 mila euro su base annua su un totale di 19 mila euro.
  • Per un ristorante con potenza impegnata di 50 chilowattora e consumo di 100 mila chilowattora in un anno, la maggiore spesa per la bolletta elettrica sarebbe intorno ai 8,5 mila euro annui su un totale di 28 mila euro.
  • Per un albergo con potenza impegnata di 90 chilowattora e consumo 260 mila chilowattora in un anno, la maggiore spesa per la bolletta elettrica sarebbe intorno ai 20 mila euro annui su un totale di 65 mila euro. A questi poi si aggiunge anche l'aumento della bolletta gas per altri 8 mila euro per un albergo tipo su un totale annuo di 19 mila euro.
  • Per un'impresa di autotrasporto, i cui costi operativi per il 30% sono rappresentati dal costo del carburante, nell'ultimo anno è più che raddoppiato il costo del GNL (gas naturale liquefatto), l'unico carburante alternativo disponibile nell'immediato per i mezzi pesanti rendendo paradossalmente diseconomica tale soluzione di trasporto sostenibile.

Secondo Confcommercio, occorre affrontare il tema della dipendenza dalle forniture estere, dipendenza che rende l'Italia più vulnerabile e più esposta a forti oscillazioni dei prezzi delle commodities. Inoltre, è necessario avviare una riforma della struttura della bolletta energetica, anche affrontando il nodo degli oneri generali di sistema.

Servono, poi, misure per compensare gli impatti negativi dell'aumento dei prezzi dei carburanti su tutta la filiera del trasporto e della logistica e misure regolatorie che assicurino mercati concorrenziali, prezzi accessibili, sostenibilità ambientale e sociale degli investimenti e sicurezza dell'approvvigionamento, realizzando un modello di transizione energetica che consenta di coniugare innovazione tecnologica, rispetto dell'ambiente e benefici occupazionali ed economici per cittadini e imprese.