Il Nobel per l’economia a tre studiosi negli Usa per le ricerche sul mercato del lavoro

Il Nobel per l’economia a tre studiosi negli Usa per le ricerche sul mercato del lavoro

Premiati David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens. Tra le loro scoperte, il fatto che aumentare il salario minimo non porta necessariamente a meno posti di lavoro

Nobel Economia studiosi relazioni causali lavoro

© Claudio Bresciani / TT NEWS AGENCY / TT News Agency via AFP

 
- La proclamazione del Nobel per l'Economia

AGI - Il premio Nobel per l'Economia è stato assegnato per metà al canadese David Card e per l'altra metà allo statunitense Joshua D. Angrist e all'olandese Guido W. Imbens. 

Card è stato premiato "per i suoi contributi empirici all'economia del lavoro". Angrist e Imbens "per i loro contributi metodologici all'analisi delle relazioni causali".

Card, Angrist e Imbens, spiega l'Accademia reale svedese delle Scienze, "hanno fornito nuove intuizioni sul mercato del lavoro e mostrato quali conclusioni su causa ed effetto possono essere tratte dagli esperimenti sul campo. Il loro approccio si è diffuso in altri settori e ha rivoluzionato la ricerca empirica". 

"Attraverso esperimenti sul campo Card ha analizzato gli effetti sul mercato del lavoro di salari minimi, immigrazione e istruzione - si legge - I suoi studi dei primi anni '90 hanno sfidato la saggezza convenzionale, portando a nuove analisi e ulteriori intuizioni. I risultati hanno mostrato, tra le altre cose, che aumentare il salario minimo non porta necessariamente a meno posti di lavoro. Ora sappiamo che i redditi delle persone che sono nate in un Paese possono beneficiare della nuova immigrazione, mentre le persone che sono immigrate in un periodo precedente rischiano di essere influenzate negativamente. Abbiamo anche capito che le risorse nelle scuole sono molto più importanti per il futuro successo degli studenti sul mercato del lavoro di quanto si pensasse in precedenza".

"I dati degli esperimenti sul campo sono però difficili da interpretare", aggiunge l'Accademia svedese. "A metà degli anni '90, Joshua Angrist e Guido Imbens hanno risolto questo problema metodologico, dimostrando come dagli studi sul campo si possono trarre conclusioni precise su causa ed effetto".

In conclusione "gli studi di Card su questioni fondamentali per la società, e i contributi metodologici di Angrist e Imbens, hanno mostrato che gli esperimenti sul campo sono una ricca fonte di conoscenza", afferma Peter Fredriksson, presidente del comitato del premio per le scienze economiche.

Nato nel 1956 a Guelph, in Canada, David Card ha ottenuto un dottorato di ricerca nel 1983 alla Princeton University e insegna alla University of California, Berkeley. Joshua Angrist è nato nel 1960 a Columbus, in Ohio, ha a sua volta conseguito un Ph.D. a Princeton e insegna al Massachusetts Institute of Technology. Guido Imbens, infine, e' nato nel 1963 a Eindhoven, in Olanda, ha ottenuto un Ph.D. nel 1991 alla Brown University e insegna alla Stanford University.