Yellen lancia l'allarme: "le varianti del covid potrebbero frenare la ripresa"

Yellen lancia l'allarme: "le varianti del covid potrebbero frenare la ripresa"

Per il segretario al Tesoro Usa, intervenuto al G20 di Venezia, c'è molta preoccupazione per l'economia. Governatori e ministri uniti sull'emergenza clima. Lagarde: "Agire costa meno che non farlo". Per il governatore Visco l'Italia recupera quest'anno oltre la metà del Pil perso nel 2020

segretario tesoro janet yellen varianti covid frenare ripresa


AGI - Gli Usa sono "molto preoccupati" che le varianti del Covid possano mettere a rischio la ripresa dell'economia. Lo ha detto il segretario americano al Tesoro, Janet Yellen, in conferenza stampa a Venezia. 

"Siamo molto preoccupati per la variante Delta e altre varianti che potrebbero emergere a minacciare la ripresa. Siamo un'economia globale connesse, ciò che accade in qualsiasi parte del mondo ha effetti sugli altri Paesi", ha affermato.

La pandemia da Covid-19 "non è ancora sotto controllo" in diverse aree del mondo e "il miglior modo per combatterla, ha aggiunto è una distribuzione più equa dei vaccini a livello globale".

segretario tesoro janet yellen varianti covid frenare ripresa

Ricordando gli sforzi fatti dagli Usa nelle donazioni di vaccini, Yellen ha incoraggiato gli altri Paesi "a fare altrettanto". 

Bene infine, per il segretario Usa, l'accordo sulla riforma della tassazione internazionale raggiunto al G20 che "fermerà la corsa al ribasso" fra i vari Paesi nell'offrire le aliquote più basse alle imprese e "permetterà ai Paesi di competere sulla base dei fondamentali economici e delle capacità dei loro lavoratori".

Il G20 finanziario, "è stato molto produttivo" e attorno alle scelte sul fisco "c'è consenso ed entusiasmo" per una riforma che "rifletterà il mondo economico moderno". 

 

Visco, crescita sostenibile e riforme contro il debito

Crescita sostenibile e riforme strutturali per combattere il debito. E' questa la ricetta che il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, ha affidato a un'intervista a Cnbc a margine del G20 finanziario di Venezia. Fra le strategie "migliori per ridurre il peso del debito" c'e' *aiutare la crescita sostenibile e questo richiede riforme strutturali su concorrenza, cambiamenti tecnologici, innovazione, aggiustamenti del mercato del lavoro, politiche di istruzione". Agire su queste leve, ha concluso, "contribuisce alla capacita' di ripagare il debito".

Nel 2021 l'Italia recupera oltre metà del calo del pil nel 2020

La crescita economica italiana ha preso velocità nel secondo trimestre e dovrebbe proseguire solida anche nella seconda parte dell'anno. A dirlo, in un'intervista a Cnbc a margine del G20 finanziario di Venezia, e' il governatore di Bankitalia Ignazio Visco. Il pil è stato "fondamentalmente stazionario nel primo trimestre, nel secondo è migliorato consistemente e ci attendiamo un buon ritmo di ripresa nella seconda meta' dell'anno", ha spiegato. "Direi che piu' di meta' di quanto perso lo scorso anno verrà recuperato in questo", ha aggiunto Visco.

 

L'emergenza clima 

Agire sul fronte del cambiamento climatico e' costoso nel breve ma meno che non farlo nel lungo periodo. A sottolinearlo la presidente della BCE, Christine Lagarde, parlando al G20 finanziario di Venezia. Secondo Francoforte c'è "un chiaro vantaggio nell'agire in anticipo e garantire una transizione ordinata. Sebbene i costi di transizione possano essere piu' elevati nel breve termine, nel lungo periodo sono molto piu' bassi dei costi di un cambiamento climatico fuori controllo", ha detto.