Facebook vola a Wall Street e supera i 1.000 miliardi di dollari di valore 

Facebook vola a Wall Street e supera i 1.000 miliardi di dollari di valore 

Il colosso dei social media è la quinta società statunitense a raggiungere il traguardo e si unisce ad Apple, Microsoft, Amazon e Alphabet, la società madre di Google

facebook wall street capitalizzazione

© AGF -  Logo di Facebook

AGI - Facebook ha chiuso per la prima volta lunedì sopra i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato. Il colosso dei social media è la quinta società statunitense a raggiungere il traguardo e si unisce ad Apple, Microsoft, Amazon e Alphabet, la società madre di Google. Le azioni dell'azienda fondata da Mark Zuckerberg hanno chiuso in rialzo del 4,18% a 355,64 dollari a Wall Street, dopo una sentenza legale favorevole che ha respinto un'azione antitrust presentata dalla Federal Trade Commission degli Stati Uniti e da una coalizione di procuratori generali dello stato. 

Facebook trae quasi tutte le sue entrate da annunci pubblicitari personalizzati mostrati agli utenti dei social network Facebook e Instagram. La società ha anche una fiorente attività di hardware in cui sta realizzando prodotti come il dispositivo di videochiamata Portal, le cuffie per realtà virtuale Oculus e gli occhiali intelligenti, che verranno rilasciati nel 2021.

Il social network ha tenuto la sua offerta pubblica iniziale nel maggio 2012, debuttando con una capitalizzazione di mercato di 104 miliardi di dollari. L'azienda ha subito un colossale calo del 19% dopo i suoi guadagni del secondo trimestre 2018 a luglio 2018, dopo aver perso entrate e aver pubblicato dati deludenti sul numero di utenti. Il calo avvenne nel bel mezzo di una serie di scandali che hanno investito il sociale, tra cui fughe di dati, notizie false e, in particolare, lo scandalo di Cambridge Analytica, azienda che aveva raccolto i dati personali di 87 milioni di account Facebook senza il loro consenso e li aveva usati per scopi di propaganda politica.

Eppure, nonostante gli scandali, Facebook è riuscito a riprendersi e ha continuato a far crescere la sua base di utenti e ad aumentare costantemente le entrate medie per utente. Dal 27 luglio 2018 il prezzo delle azioni è aumentato di oltre il 90%. 

Oggi un giudice federale degli Stati Uniti ha respinto le denunce di pratiche anticoncorrenziali presentate nel 2020 contro Facebook dall'autorità statunitense per la concorrenza (Ftc) e dai procuratori generali di molti Stati Usa, ottenendo così l'accesso a una richiesta dal social network. La Ftc e i pubblici ministeri che rappresentano 48 Stati e territori il 9 dicembre hanno accusato Facebook di aver abusato della sua posizione dominante per estromettere la concorrenza e poi hanno chiesto ai tribunali di costringere la società a separarsi da Instagram e WhatsApp.

Il giudice James Boasberg ha affermato che "la Ftc non è riuscita a presentare fatti sufficienti per stabilire plausibilmente" che il gruppo aveva il potere di monopolio sui servizi di social media. Il giudice ha respinto la denuncia ma non ha archiviato del tutto il caso e ha concesso alla Ftc trenta giorni per presentare nuovi documenti a sostegno più specifico delle sue accuse.

Per quanto riguarda le accuse mosse dai procuratori generali contro l'acquisizione di Instagram da parte di Facebook nel 2012 e WhatsApp nel 2014, il giudice ha ritenuto che fossero presentate troppo tardi. Il giudice ha inoltre ritenuto che la politica secondo la quale Facebook impedisce il trasferimento di dati ad applicazioni concorrenti non fosse contraria alle leggi sulla concorrenza. Ha quindi integralmente respinto il ricorso dei procuratori generali.

Il social network di Zuckerberg aveva presentato a marzo domande di archiviazione relative a queste due denunce, considerando in particolare che l'indagine Ftc "ha completamente ignorato la realtà del settore high-tech dinamico e ultra competitivo in cui opera Facebook". Per quanto riguarda la denuncia dei procuratori generali, il gruppo ha affermato di "non essere in grado di affermare che i cittadini abbiano pagato prezzi più alti, che la produttività sia diminuita o che qualsiasi misura oggettiva della qualità sia diminuita a causa delle azioni contestate di Facebook".