La produzione industriale cala dello 0,1% a marzo, balza sull'anno

La produzione industriale cala dello 0,1% a marzo, balza sull'anno

I dati Istat: "L'incremento fortissimo tendenziale (+37,7%) è dovuto al confronto con i livelli eccezionalmente bassi dello scorso anno"

Istat produzione industriale scende marzo 

© Miguel Medina/AFP - Un operaio al lavoro in un'industria del comparto automotive di Codogno

AGI - A marzo si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,1% rispetto a febbraio. Lo rileva l'Istat.

Nella media del primo trimestre il livello della produzione cresce dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti.

L’indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale marcato per l’energia (+1,8%), più contenuto per i beni intermedi (+0,5%) e ancora più ridotto per i beni strumentali (+0,2%); viceversa, diminuisce nel comparto dei beni di consumo (-1,5%).

Corretto per gli effetti di calendario, a marzo 2021 l’indice complessivo aumenta in termini tendenziali del +37,7% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 23 contro i 22 di marzo 2020).

Incrementi tendenziali molto elevati caratterizzano tutti i comparti: +58,1% per i beni strumentali, +40,8% per i beni intermedi e +28,1%i beni di consumo; più contenuta è la crescita per l’energia (+6,9%).

Tutti i principali settori di attività economica registrano aumenti su base tendenziale, ad esclusione delle attività estrattive che restano invariate.

Gli incrementi maggiori riguardano la fabbricazione dei mezzi di trasporto (+102,1%), la fabbricazione di apparecchiature elettriche (+66,4%), la metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+59,7%), le altre industrie manifatturiere (+56,6%), la fabbricazione di macchinari (+52,4%) e le industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+51,0%).

La produzione di autoveicoli a marzo e' salita del 175,8% rispetto allo stesso mese del 2020 (dati corretti). Il dato grezzo segna un aumento del 181,8%. La produzione di autoveicoli rispetto a febbraio 2021 e' invece salita dell'8,3% (dati destagionalizzati).

Nella media del primo trimestre di quest’anno si osserva un moderato recupero congiunturale della produzione industriale: alla crescita consistente osservata a gennaio è seguita, nei due mesi successivi, una sostanziale stazionarietà, commenta l'Istat.

In termini tendenziali, l’indice corretto per gli effetti di calendario registra a marzo un incremento fortissimo, dovuto al confronto con i livelli eccezionalmente bassi del corrispondente mese dello scorso anno, quando furono adottate le prime misure di chiusura di diverse attività, a causa dell’emergenza sanitaria.

A marzo di quest’anno il livello dell’indice destagionalizzato resta inferiore dell’1,2% rispetto al valore registrato a febbraio 2020, mese precedente l’inizio della pandemia.