Jeff Bezos lascia la guida di Amazon, Andy Jassy nuovo a.d.

Jeff Bezos lascia la guida di Amazon, Andy Jassy nuovo a.d.

Bezos diventerà presidente esecutivo. Conti record per il gruppo nell'anno del Covid

Bezos lascia guida Amazon Andy Jassy nuovo ad 

© Eric BARADAT / AFP 
- Jeff Bezos

AGI -  La figura piu' intrinsecamente legata ad Amazon, il suo fondatore e amministratore delegato, Jeff Bezos, ha approfittato della presentazione di risultati annuali record, con 21.331 milioni di dollari (17.700 milioni di euro) di profitti, per anticipare che lascerà l'incarico in estate.

L'uomo più ricco del mondo secondo Forbes diventerà quindi presidente esecutivo dell'azienda e cedera' lo scettro a Andy Jassy, il suo più fidato e attualmente gestisce il segmento di business più redditizio dell'azienda, la piattaforma di cloud computing Amazon Web Services (AWS).

"Quando guardate i nostri risultati finanziari, quello che state veramente guardando sono i risultati cumulativi e a lungo termine dell'invenzione. In questo momento, vedo Amazon più viva che mai, che è la condizione ottimale per fare questa transizione", ha detto lo stesso Bezos in una lettera agli investitori.

Dalla sua futura posizione di presidente esecutivo, Bezos continuerà ad avere influenza nel processo decisionale dell'azienda, ma non sarà così presente nel giorno per giorno e avrà piu' tempo per, come ha detto, concentrarsi su altre iniziative sia filantropiche che di gestione delle loro altre aziende: Blue Origin e The Washington Post.

Da parte sua, Jassy, che è entrato in Amazon nel 1997 - solo tre anni dopo la fondazione della società - ha gestito AWS fin dalla sua nascita, un leader di primo piano nel settore del cloud computing davanti a concorrenti come Azure di Microsoft e Google Cloud. 

Laurea ad Harvard e originario dello stato di New York, 53 anni, il futuro capo di Amazon ha finora mantenuto un profilo piuttosto discreto, sempre all'ombra di Bezos.

L'azienda ha fatto coincidere l'annuncio del cambio di amministratore delegato con la presentazione dei risultati di tutto il suo anno fiscale 2020, in cui ha ottenuto utili netti pari a 21.331 milioni di dollari, quasi il doppio degli 11.588 milioni ottenuti nel 2019, grazie al grande impulso degli acquisti online a seguito della pandemia di covid-19.

Negli ultimi 12 mesi, l'azienda ha fatturato 386,064 miliardi di dollari, in crescita del 38%, mentre gli azionisti hanno intascato 42,64 dollari per azione, rispetto ai 23,46 dollari di un anno fa. Pur vedendo crescere il suo business, Amazon ha aumentato significativamente il debito a lungo termine per tutto il 2020, che ora si attesta a 31,816 miliardi di dollari rispetto ai 23,414 miliardi di dollari della fine del 2019. Il settore di attività guidato dal futuro CEO dell'azienda, AWS, ha aumentato il fatturato nell'ultimo anno del 30% a 45.370 milioni di dollari, e ha contribuito, con 13.531 milioni, più della metà dell'utile netto dell'azienda.

Oltre al cloud computing, il core business di Amazon, il commercio online, continua ad avere il suo mercato principale nel Nord America, dove ha fatturato un totale di 236.282 milioni di dollari nel 2020, il 38,4% in più rispetto all'anno precedente.

Nel resto del mondo, le entrate di Amazon sono state poco meno della metà, 104.412 milioni, il che si traduce una crescita del 39,7%. I risultati della società e l'annuncio del cambiamento nella parte superiore della direzione ha incoraggiato gli investitori a Wall Street, e le azioni dell'azienda sono salite 1,78% a 3.440,19 dollari per azione nel commercio elettronico dopo la chiusura dei piani di trading di New York.