Al via le domande per l'anticipo di Tfs e Tfr  dei dipendenti pubblici

Al via le domande per l'anticipo di Tfs e Tfr  dei dipendenti pubblici

L'Abi: la procedura è operativa. Ecco le banche aderenti e come fare la richiesta

Pa Abi operativo anticipo Tfs e Tfr dipendenti pubblici

 Abi Associazione banche italiane

AGI -  E' pienamente operativa l’iniziativa di anticipo del Trattamento di fine servizio (Tfs) e del trattamento di fine rapporto (Tfr) dei dipendenti pubblici: lo afferma l'Abi (Associazione bancaria italiana) che ha inviato una circolare alle banche associate.

L'Inps ha comunicato le informazioni anagrafiche del Fondo di garanzia che assiste le operazioni anticipo del Tfs, consentendo alle banche che aderiscono all’iniziativa di poter adempiere agli specifici obblighi di segnalazione.

L’elenco delle banche già aderenti all’iniziativa è disponibile presso il portale www.lavoropubblico.gov.it/anticipo-tfs-tfr.

Questa la procedura per l'erogazione dell'anticipo Tfs/Tfr:

1) il richiedente presenta la domanda di certificazione del diritto all'anticipo Tfs/Tfr all'ente erogatore registrato nel portale www.lavoropubblico.gov.it/anticipo-tfs-tfr

2) entro 90 giorni dalla ricezione della domanda l'ente erogatore comunica al richiedente, anche attraverso sistemi telematici: la certificazione del diritto all'anticipo Tfs/Tfr ovvero il rigetto della domanda qualora non si posseggano i necessari requisiti, e l'indicazione dell'indirizzo Pec dell'ente erogatore al quale la banca dovrà inviare le successive comunicazioni (in alternativa alla Pec è possibile anche l'utilizzo di un altro sistema di comunicazione concordato con la banca)

3)  il richiedente presenta la domanda di anticipo Tfs/Tfr alla banca aderente all'iniziativa, corredata dalla certificazione del diritto all'anticipo Tfs/Tfr,  proposta di contratto di anticipo Tfs/Tfr, secondo il modello allegato all'Accordo Quadro; dalla dichiarazione dello stato di famiglia  e i riferimenti del conto corrente sul quale accreditare l’importo finanziato

4) la banca, effettuata l'istruttoria, accettata la proposta, comunica all'ente erogatore e al richiedente l'avvenuta presentazione della domanda di anticipo Tfs

5) entro 30 giorni l'ente erogatore, effettuate le verifiche necessarie e acquisita la garanzia del Fondo sulla base delle modalità indicate dall'Inps, comunica alla banca la presa d'atto della conclusione del contratto. Qualora l'ente erogatore comunichi alla banca un diverso importo cedibile ovvero l'impossibilità di perfezionare l'operazione di anticipo Tfs/Tfr, la proposta di contratto decade e il richiedente dovrà eventualmente richiedere una nuova certificazione all'ente erogatore e presentare una nuova proposta contrattuale. Trascorsi 30 giorni senza la ricezione di alcuna comunicazione da parte dell'ente erogatore, il contratto è risolto automaticamente

6) la banca eroga l'anticipo Tfs/Tfr entro 15 giorni dall'accettazione della proposta contrattuale.