Gli italiani sono sempre più poveri. Lo certifica l'Ocse

Gli italiani sono sempre più poveri. Lo certifica l'Ocse

A livello internazionale le misure di sostegno governative hanno comunque "continuato a proteggere i redditi delle famiglie dall'impatto economico del Covid-19 nel secondo trimestre 2020"

Ocse reddito famiglie G7

© Julian Birbrajer / Agf 
- Panni stesi in un quartiere povero

AGI - Continua a calare nel secondo trimestre il reddito procapite delle famiglie: in Germania la flessione è dell'1,2%, in Francia del 2,3%, nel Regno unito del 3,4% e in Italia, che registra la peggiore performance del G7, il calo è del 7,2%. Lo rileva l'Ocse ricordando che nel trimestre precedente si erano registrati cali più moderati (di -1% o meno).     

Per l'Ocse, a livello internazionale le misure di sostegno governative hanno comunque "continuato a proteggere i redditi delle famiglie dall'impatto economico del Covid-19 nel secondo trimestre 2020". Malgrado il crollo significativo (10,6%) della crescita del Pil reale per abitante nel secondo trimestre 2020, sottolinea l'organizzazione di Parigi, la crescita del reddito reale delle famiglie per abitante è aumentata del 5,3% grazie alle misure di sostegno dei governi.

L'Ocse segnala inoltre come nella maggior parte dei Paesi membri "il reddito disponibile delle famiglie ha avuto performance migliori del Pil" con Canada e Stati Uniti che hanno registrato una crescita del reddito familiare pro capite rispettivamente dell'11% e del 10,1%. Incrementi più contenuti si sono osservati in Irlanda (3,6%), Australia (2,7%) e Finlandia (1,1%).     

Tuttavia per l'organizzazione di Parigi "il significativo aumento del reddito familiare negli Stati Uniti riflette il carattere ampio, ma temporaneo, del sostegno governativo fornito ad aprile 2020".