Ft, perché Wall Street fa gola alle aziende cinesi 

Ft, perché Wall Street fa gola alle aziende cinesi 

Da quando Trump ha assunto la presidenza quasi quattro anni fa, 102 aziende cinesi hanno debuttato alla Borsa di New York e al Nasdaq, raccogliendo 25,5 miliardi di dollari

Wall Street Cina

 Wall Street, mercati, borse, NY, economia (Afp)

AGI - Il numero di gruppi cinesi che hanno quotato le loro azioni negli Stati Uniti è cresciuto più velocemente sotto l'amministrazione Trump che durante quella del predecessore Barack Obama. Lo scrive il Financial Times che dati alla mano (forniti dalla società di ricerca Dealogic), spiega che da quando Donald Trump ha assunto la presidenza quasi quattro anni fa, 102 aziende cinesi hanno debuttato alla Borsa di New York e al Nasdaq, raccogliendo 25,5 miliardi di dollari. Un risultato che equivale quasi alle 105 offerte pubbliche iniziali di aziende cinesi negli Stati Uniti durante gli otto anni di presidenza di Obama, che hanno raccolto un totale di 41 miliardi di dollari grazie anche alla quotazione di Alibaba nel 2014. E questo nonostante la minaccia dell'amministrazione Trump di controlli più stringenti per quelle aziende cinesi che quotate a Wall Street non forniscono ai regolatori statunitensi pieno accesso ai loro rapporti di revisione. Ad esempio, cita Ft, alcuni gruppi cinesi quotati a New York sono stati oggetto di scandali, come la catena di bevande Luckin Coffee, che è stata cancellata dal Nasdaq dopo aver ammesso di aver contraffatto centinaia di milioni di dollari di vendite.

Nonostante ciò, il numero di aziende cinesi quotate negli Stati Uniti è aumentato notevolmente nell'ultimo anno, arrivando a quasi 220 all'inizio di ottobre, secondo un rapporto della United States-China Economic and Security Review Commission. La capitalizzazione totale di mercato delle azioni cinesi quotate negli Stati Uniti è quasi raddoppiata nello stesso periodo, raggiungendo i 2,2 miliardi di dollari, sempre secondo la commissione.      

Allora perché Wall Street è così appetibile? Gli investitori affermano che i mercati dei capitali statunitensi continuano ad offrire una migliore performance, soprattutto per le aziende tecnologiche, grazie ad una maggiore liquidità e ad un più alto fatturato di trading. "La performance del mercato, il fatto che le valutazioni sono positive per i settori che stanno quotando in questo momento, rappresentano un notevole invito per queste società [cinesi] a quotarsi negli Stati Uniti perché otterrebbero migliori volumi di trading e migliori prezzi", ha detto Jason Elder, un partner dello studio legale Mayer Brown.     

Le aziende cinesi non solo stanno attingendo più spesso ai mercati statunitensi, ma stanno anche raccogliendo più fondi. Le aziende hanno raccolto in media 250 milioni di dollari negli ultimi quattro anni, più dei 154 milioni di dollari di Mr Obama. Elder ha attribuito l'aumento delle dimensioni medie dell'IPO allo sviluppo delle industrie asiatiche di private equity e venture capital negli ultimi anni. 

La politica di delisting dell'amministrazione Trump fa parte di una più ampia spinta per disallineare parti dell'economia statunitense dalla Cina. Secondo gli analisti, sostiene Ft, se il numero delle quotazioni cinesi negli Stati Uniti continuerà o meno ad accelerare ciò  potrebbe dipendere dall'esito delle presidenziali. Secondo un altro analista, Bruce Pang, capo della ricerca macro e strategica della banca d'investimento China Renaissance, alcune aziende cinesi potrebbero rinunciare a quotarsi a Wall Street qualora vincesse Trump, mentre una vittoria del candidato del partito democratico Joe Biden potrebbe significare che gli Stati Uniti allenteranno in futuro i controlli e la loro pressione su queste aziende.

"Le autorità cinesi sarebbero più disposte a collaborare con le autorità di regolamentazione statunitensi [sui rapporti di revisione] se Biden vincesse", ha detto Pang. "In questo momento c'è una situazione di stallo tra Pechino e Washington. Alcune grandi aziende cinesi si stanno rivolgendo allora al mercato di Hong Kong ma secondo gli analisti, non può eguagliare Wall Street a causa delle sue retrizioni.