"Un no deal sulla Brexit costerà al settore dell'auto 110 miliardi"

"Un no deal sulla Brexit costerà al settore dell'auto 110 miliardi"

L'allarme dell'Associazione dei produttori europei, che stima una perdita di produzione pari a 3 milioni di veicoli nei prossimi cinque anni

brexit no deal settore auto

Auto

AGI - Un "mancato accordo" sulla Brexit tra Londra e Bruxelles costerà al settore al settore automobilistico pan-europeo circa 110 miliardi di euro di perdite commerciali nei prossimi cinque anni, mettendo a rischio posti di lavoro in un comparto che sostiene 14,6 milioni di persone, pari a uno su 15 dei posti di lavoro dell'Ue e del Regno Unito. Lo rivela l'Acea, l'associazione dei produttori europei, in cui si ricordato che mancano solo 15 settimane dalla scadenza del periodo di transizione della Brexit. L'Acea invita quindi i negoziatori di entrambe le parti a trovare "senza ulteriori indugi un ambizioso accordo di libero scambio". 

Le regole "non preferenziali"

Senza un accordo in vigore entro il 31 dicembre, entrambe le parti, sostiene Acea, sarebbero costrette a commerciare secondo le cosiddette regole non preferenziali dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc), tra cui una tariffa del 10% sulle automobili e fino al 22% su furgoni e camion. Tali tariffe - di gran lunga superiori ai piccoli margini della maggior parte dei produttori - dovrebbero quasi certamente essere trasferite ai consumatori, rendendo i veicoli più costosi, riducendo la scelta e incidendo sulla domanda. Inoltre, i fornitori automobilistici e i loro prodotti saranno colpiti dalle tariffe. Ciò renderà la produzione più costosa o porterà ad un aumento delle importazioni di componenti da altri paesi competitivi.    

Prima della crisi del coronavirus, la produzione di veicoli a motore nell'Ue e nel Regno Unito era di 18,5 milioni di unità all'anno. Quest'anno circa 3,6 milioni di unità sono già andate perdute in tutto il settore a causa della pandemia. Nuovi calcoli suggeriscono che, solo per le auto e i furgoni, una riduzione della domanda derivante da una tariffa Omc del 10% potrebbe cancellare circa tre milioni di unità dalla produzione di fabbrica dell'Ue e del Regno Unito nei prossimi cinque anni, con perdite per un valore di 52,8 miliardi di euro per gli stabilimenti del Regno Unito e 57,7 miliardi di euro per quelli con sede in tutta l'Ue. Anche i fornitori rischiano una dura ricaduta da questi cambiamenti.

Ripercussioni sull'indotto

Complessivamente, il settore automobilistico dell'Ue-27 e del Regno Unito è responsabile del 20% della produzione mondiale di autoveicoli e spende circa 60,9 miliardi di euro all'anno per l'innovazione. E' dunque il più grande investitore europeo in R&S. Il raggiungimento di un ambizioso accordo tra Ue e Regno Unito con disposizioni specifiche per il settore automobilistico è fondamentale per il successo futuro dell'industria automobilistica europea. Qualsiasi accordo dovrebbe includere tariffe e quote zero, regole di origine adeguate sia per i motori a combustione interna che per i veicoli alimentati in alternativa, oltre a componenti e propulsori, e un quadro per evitare divergenze normative.    

È fondamentale che le imprese abbiano informazioni dettagliate sulle condizioni commerciali concordate che dovranno affrontare a partire dal primo gennaio 2021 per effettuare i preparativi finali. Questo, unito ad un supporto mirato e ad un adeguato periodo di introduzione graduale che consenta un maggiore utilizzo di materiali stranieri per un periodo di tempo limitato, garantirà alle imprese la possibilità di far fronte alla fine del periodo di transizione.

"Un quadro desolante"

Eric-Mark Huitema, direttore generale di Acea ha sottolineato che "la posta in gioco è alta per l'industria automobilistica dell'Ue - dobbiamo assolutamente avere un ambizioso accordo commerciale in vigore entro gennaio. Altrimenti il nostro settore - già scosso dalla crisi Covid - sarà duramente colpito da un doppio problema".

Sigrid de Vries, segretario generale del Clepa, ha spiegato che un "no deal" perturberebbe la catena di fornitura integrata del settore automobilistico e colpirebbe l'industria in un momento critico. L'impatto si farà sentire ben oltre i soli flussi commerciali bilaterali, traducendosi in una perdita di posti di lavoro e di capacità di investimento. Il settore automobilistico è il più grande investitore privato in R&S dell'UE, con 60 miliardi di euro investiti ogni anno. Abbiamo bisogno di un accordo che mantenga la competitività globale del settore".     

Mike Hawes, amministratore delegato di Smmt, ha sottolineato che "queste cifre dipingono un quadro desolante della devastazione che seguirebbe un no deal. Lo shock delle tariffe e di altre barriere commerciali aggraverebbe i danni già affrontati da una pandemia globale e dalla recessione, mettendo a rischio le imprese e i mezzi di sussistenza. Le nostre industrie sono profondamente integrate, perciò esortiamo tutte le parti a riconoscere le esigenze di questo vitale fornitore di posti di lavoro e di prosperità economica, e ad abbandonare ogni singola fermata per assicurare un ambizioso accordo di libero scambio ora, prima che sia troppo tardi".   

Hildegard Müller, presidente della Vda, ha spiegato che "l'industria automobilistica ha bisogno di condizioni quadro stabili e affidabili. Sarebbe un grande svantaggio per entrambe le parti se il ritiro del Regno Unito terminasse con l'applicazione di tariffe commerciali reciproche".

Thierry Cognet, presidente del Ccfa, ha sottolineato che "un no deal dal 1 gennaio 2021 sarebbe particolarmente impegnativa per i produttori. Ciò di cui abbiamo bisogno dai negoziatori, in un contesto economico già molto colpito dalla crisi Covid, è un accordo sostanziale che ci protegga da tariffe, quote e divergenze normative".