Powell ammette che la ripresa dell'economia Usa c'è, "ma non siamo fuori dal tunnel"

Powell ammette che la ripresa dell'economia Usa c'è, "ma non siamo fuori dal tunnel"

Il capo della banca centrale ha promesso ancora una volta che la Fed utilizzerà tutti i suoi strumenti di politica per contribuire a garantire la ripresa, che, a suo dire, ha inflitto i peggiori colpi ai cittadini con basso reddito e alle minoranze

Powell ammette che la ripresa dell'economia Usa c'è, "ma non siamo fuori dal tunnel"

© CREDITSAUL LOEB / AFP 
- Donald Trump e Jerome Powell 

Nonostante alcuni recenti segnali positivi, rimane una "significativa incertezza" sulla ripresa dell'economia statunitense dopo il significativo colpo inferto dalla pandemia del coronavirus: questo in sintesi il discorso del presidente della Federal Reserve Powell. E a meno che i consumatori non si sentano sicuri che il COVID-19 sia stato sconfitto, "una piena ripresa è improbabile", ha avvertito nella sua testimonianza semestrale davanti al Comitato Bancario del Senato.

Il capo della banca centrale ha promesso ancora una volta che la Fed utilizzerà tutti i suoi strumenti di politica per contribuire a garantire la ripresa, che, a suo dire, ha inflitto i peggiori colpi ai cittadini con basso reddito e alle minoranze.  

Nonostante un sorprendente rimbalzo dell'occupazione a maggio, l'economia ha perso quasi 20 milioni di posti di lavoro da febbraio e la contrazione del PIL nel trimestre aprile-giugno "è probabilmente la più grave mai registrata", ha detto Powell. Nonostante si registrino alcuni dati promettenti, come per ultimi i dati sulle vendite al dettaglio, "i livelli di produzione e di occupazione - ha proseguito - rimangono molto al di sotto dei livelli precedenti alla pandemia e permane una significativa incertezza sui tempi e sulla forza della ripresa".

Tra l'altro, ha aggiunto, l'onere economico derivante dalla chiusura dell'attività per contenere la diffusione del virus "non è ricaduto in egual misura su tutti gli americani". Invece, quelli meno capaci di resistere alla crisi sono stati i più colpiti", con le più pesanti perdite di posti di lavoro subite da ispanici, afroamericani e donne. "Se non verrà contenuta e invertita, la recessione potrebbe allargare ulteriormente i divari di benessere economico", ha aggiunto.

Ancor prima che le misure di blocco avessero pieno effetto a livello nazionale, la Fed aveva azzerato i tassi d'interesse e aumentato la liquidità, per poi lanciare una serie di programmi di prestiti a sostegno delle imprese e dei governi statali e locali. A questo proposito, il presidente della Fed ha assicurato:"Ci impegniamo a utilizzare la nostra gamma completa di strumenti per sostenere l'economia e per contribuire ad assicurare che la ripresa da questo difficile periodo sia la più robusta possibile", ha detto.

Tuttavia, le azioni della Fed "sono solo una parte di una più ampia risposta del settore pubblico", e il sostegno diretto che solo il Congresso puo' fornire "puo' fare una differenza critica non solo nell'aiutare le famiglie e le imprese nel momento del bisogno, ma anche nel limitare danni duraturi alla nostra economia".