Cosa prevede il decreto per rilanciare le Pmi

Cosa prevede il decreto per rilanciare le Pmi

Dagli affitti alle bollette, le misure sulle quale il governo sta lavorando per aiutare le aziende a risollevarsi dopo il lockdown

Dl Rilancio affitto bollette ristoro Pmi

© Francesco Fotia / AGF - Un negozio chiuso per il lockdown con in vetrina ancora i vestiti invernali

Dai contributi per pagare affitti e bollette a quello a fondo perduto sulle perdite di fatturato, artigiani, commercianti, piccole e medie imprese avranno un ristoro che andrà a completare le misure finora adottate.

È quanto prevede il dl Rilancio che sarà sul tavolo del prossimo Consiglio dei ministri, probabilmente già lunedì. Ecco le misure principali delineate nell'ultima bozza del dl in circolazione.

Ristoro a fondo perduto per le Pmi fino a 5 milioni 

Contributi a fondo perduto per Pmi, commercianti, artigiani e autonomi fino a 5 milioni di ricavi o compensi. Il contributo a fondo perduto, si legge nell'articolo 28 del documento, "spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019".

L'ammontare del contributo si calcola "applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019" in base a tre fasce: "25 per cento per che ha ricavi o compensi non superiori a centomila euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto"; 20 per cento per i soggetti con ricavi o compensi superiori a centomila euro e inferiori a quattrocentomila"; 15 per cento "per i soggetti con ricavi o compensi superiori a quattrocentomila euro e inferiori a cinque milioni di euro". I

l contributo a fondo perduto minimo e' comunque di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per gli altri. Per ottenere il contributo va fatta domanda "esclusivamente in via telematica", all'Agenzia delle Entrate.

Credito d'imposta al 60% per gli affitti 

Al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all'emergenza Covid, alle imprese "con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro" che "abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi ad aprile 2020 di almeno il 50%" spetta un credito d'imposta fino al 60 per cento dell'affitto. Per le strutture alberghiere, invece, il credito è previsto "indipendentemente dal volume di affari registrato nel periodo d'imposta precedente".

Bollette elettriche più leggere per tre mesi 

Bollette elettriche piu' leggere per tre mesi (aprile, maggio e giugno) per le Pmi. "La presente proposta - si legge nella relazione illustrativa all'articolo 33 - ha lo scopo di alleviare il peso delle quote fisse delle bollette elettriche in particolare in capo alle piccole attività produttive e commerciali, gravemente colpite su tutto il territorio nazionale dall'emergenza epidemiologica da Covid-19. Mediante la norma, che riguarda un periodo di tre mesi a partire da aprile 2020 ed ha carattere transitorio e urgente, si permette la tempestiva applicazione della misura semplificandone l'iter procedimentale e provvedendo a dare copertura mediante il ricorso al bilancio dello Stato".

L'intervento normativo "prevede che l'Autorità ridetermini le tariffe di distribuzione e misura dell'energia elettrica al fine di: a) azzerare le attuali quote fisse indipendenti dalla potenza relative alle tariffe di rete e agli oneri generali per tutti i clienti non domestici alimentati in bassa tensione b) Per i soli clienti non domestici alimentati in bassa tensione con potenza disponibile superiore a 3,3 kW, le tariffe di rete e gli oneri generali saranno rideterminate al fine di ridurre ulteriormente la spesa applicando una potenza "virtuale" fissata convenzionalmente pari a 3 kW, senza che a cio' corrisponda alcuna limitazione ai prelievi da parte dei medesimi clienti".