"Chi ha investito nel petrolio rischia ora gravi perdite"

"Chi ha investito nel petrolio rischia ora gravi perdite"

In una lunga analisi, il Financial Times sottolinea che ci sono differenze sostanziali nell'investire nell'azionario o nei fondi petroliferi e riporta il parere degli analisti, secondo cui non bisogna farsi illudere dalla prospettiva di guadagni notevoli con i prezzi così bassi. Anzi

FT Mercati Petrolio Wti 

Crollo Borsa, mercati finanziari (Afp)

Rischiano "grandi perdite" quegli investitori che si sono riversati sui mercati petroliferi per scommettere su un rimbalzo dei prezzi del greggio. In un'analisi a firma di David Sheppard, il Financial Times riferisce le osservazioni degli specialisti delle materie prime. Ad esempio, il fondo petrolifero statunitense, il più grande ETF petrolifero conosciuto come USO, ha registrato afflussi di circa 1,5 miliardi di dollari la scorsa settimana, mentre i prezzi del greggio statunitense toccavano i livelli più bassi dall'inizio degli anni 2000 a causa del crollo della domanda. I trader professionisti hanno rilevato che gli investitori al dettaglio, in particolare, nelle settimane scorse stavano cercando di indovinare il punto di svolta per il petrolio, scommettendo che il mercato si riprenderà rapidamente una volta che le misure di lockdown verranno allentate.

Prima di lunedì scorso, i trader scommettevano in una ripresa del mercato dopo il lockdown 

Ma i prezzi dovevano ancora registrare il crollo di lunedì scorso, quando il Wti con consegna a maggio è sceso sotto lo zero per la prima volta nella storia. Il contratto di giugno, dove si trova la maggior parte degli investimenti di USO, ha perso il 15% a circa 21 dollari al barile. Martedì, è sceso ulteriormente a -13 dollari al barile. Con lo scenario peggiorato in questa misura, cambiano quindi anche le percentuali di rischio degli investimenti. 
Gli investitori non corrono solo il rischio di fare una scommessa sbagliata, dicono i trader, dal momento che i contratti petroliferi non vengono scambiati come le azioni. Al contrario, scadono mensilmente in modo che il greggio in questione possa essere consegnato agli acquirenti alla data prevista: si tratta insomma di un meccanismo che gli specialisti temono possa essere poco compreso dagli investitori inesperti.
 

Gli analisti avvertono: investire nei fondi petroliferi comporta rischi elevati 

 
"L'investimento nei fondi petroliferi comporta attualmente rischi elevati per gli investitori che potrebbero essere tentati di investire nel petrolio a causa dei prezzi ultra bassi", ha dichiarato Michel Salden, responsabile delle materie prime di Vontobel Asset Management. Le perdite, ha aggiunto Salden, possono verificarsi quando i fondi tracker si trovano ad alzare il sipario sulla loro esposizione alla scadenza dei contratti. Se la struttura del mercato petrolifero si sposta in "contango" - un termine del settore che indica quando i prezzi spot vengono scambiati al di sotto dei contratti per la consegna futura - allora un fondo petrolifero potrebbe dover vendere i propri contratti al prezzo più basso, per poi acquistare il contratto del mese successivo a un prezzo più alto solo per mantenere le proprie partecipazioni. Ole Hansen, responsabile della strategia sulle materie prime di Saxo Bank, ha dichiarato che i maggiori ETF petroliferi long-only hanno visto le loro partecipazioni nette aumentare del 400% nell'ultimo mese. Questi fondi petroliferi, ha avvertito, "sono prevalentemente posizionati nella parte anteriore della curva dei futures e saranno esposti a perdite variabili ogni mese fino a quando i fondamentali del mercato non si stabilizzeranno". E, ha aggiunto, questo processo "potrebbe richiedere diversi mesi". 
 

Il caso di USO, agli analisti fa venire in mente il 2009 

 
Lunedì scorso, USO è stato il quarto ETF più attivamente scambiato negli Stati Uniti, con oltre mezzo miliardo di dollari passati di mano prima che il prezzo del Wti precipitasse. Il Financial Times osserva che il passaggio degli investitori a USO ricorda il 2009, quando molti investitori avevano investito in fondi petroliferi e i prezzi del greggio erano scesi a quasi 30 dollari al barile. Nei 12 mesi successivi e quindi passata la profonda recessione, i prezzi si sono poi triplicati. A quel punto, gli investitori hanno verificato che i loro rendimenti nei fondi non corrispondevano ai rialzi che stava registrando il prezzo del petrolio, in quanto avevano perso una grossa fetta del loro investimento ogni mese attraverso il processo di rolling contract. Il fondo USO, lanciato nel 2006, in genere assorbe liquidità dagli investitori quando i prezzi del greggio toccano il fondo. Gli afflussi hanno raggiunto un picco all'inizio del 2009 e all'inizio del 2016, subito dopo il crollo del prezzo del petrolio. Da marzo, il numero di azioni in circolazione del fondo è raddoppiato con l'arrivo di nuova liquidità.  
 

Il boom fino al tracollo di lunedì scorso 

 
A partire da venerdì scorso, USO ha detenuto l'equivalente di 146,5 milioni di barili di futures grezzi WTI con consegna a giugno al New York Mercantile Exchange, una divisione di CME Group. Si trattava di oltre un quarto del totale degli interessi aperti sul contratto, come mostrano i dati di borsa. Le regole del mercato Nymex impongono "livelli di responsabilità" di 10 milioni di barili equivalenti per la maggior parte dei contratti futures sul greggio statunitense, al di sopra dei quali si può ordinare ai trader di ridurre la loro posizione. La Commodity Futures Trading Commission statunitense, un'autorità di regolamentazione governativa, ha proposto un limite di 6 milioni di barili per le posizioni dei singoli fondi in grezzo USA con consegna in tempi brevi, ma si e' astenuta dal fissare dei limiti per le posizioni nei contratti con la consegna in tempi piu' lunghi. Alcuni trader affermano che il fondo USO è abbastanza grande da assorbire i movimenti di prezzo ma ad ogni modo sta spostando il 20% dei contratti WTI che detiene nei mesi successivi, in una mossa che si ritiene sia stata influenzata dall'esplosione del differenziale tra i prezzi del greggio e i diversi tempi di consegna.