"Italiani costretti a un'alfabetizzazione digitale forzata. Nulla sarà come prima"

"Italiani costretti a un'alfabetizzazione digitale forzata. Nulla sarà come prima"

Intervista a Edoardo Fleischner, docente di Comunicazione crossmediale all'Università di Milano. Come sta cambiando l'Italia digitale al tempo del coronavirus

coronavirus italia internet digitale

© AFP - Internet, smartphone 

L'epidemia da coronavirus sta costringendo milioni di italiani a una alfabetizzazione digitale forzata. Ma l'incremento della domanda di Internet se non supportata da un potenziamento delle infrastrutture potrebbe presto portare al collasso delle reti.

Lo sostiene all'AGI Edoardo Fleischner, docente di Comunicazione crossmediale all'Università di Milano: "L'obbligo a restare a casa ha fatto emergere due fenomeni: è esplosa la pratica dello smartworking e del telelavoro, ma c'è stato anche lo choc collettivo della didattica digitale. Anche chi non aveva sufficienti competenze digitali si è dovuto affrettare a impararle. Si tratta di un fenomeno senza precedenti. Tutta l'Italia sta imparando il digitale. è come se in una situazione di emergenza come un terremoto tutti fossero costretti da subito a imparare come comportarsi", spiega Fleischner.

"Finora la digitalizzazione del Paese - prosegue Fleischner - è avvenuta a macchia di leopardo, con ampie zone in cui il digitale non veniva usato per via di ritardi culturali, economici o delle infrastrutture. Ora queste macchie si stanno rapidamente unendo. Almeno dal punto di vista culturale si è dovuta superare la resistenza di molti a imparare l'uso di internet: molti hanno dovuto imparare a navigare, creare account mail o social. Sono certo che quando ne usciremo ci sarà un crollo del digital divide Italiano, almeno quello culturale".

Una rivoluzione per la popolazione italiana, alla quale ha contribuito un altro fenomeno che Fleischner chiama 'digitalizzazione pret à porter': "Stiamo già assistendo a situazioni in cui chi è piu' digitalizzato aiuta chi lo è meno a usare internet, computer e smartphone. A organizzare videoconferenze o lezioni di scuola online". Competenze che rimarranno e cambieranno l'uso di internet anche da parte di chi finora se n'è tenuto lontano.

Si calcola che l'obbligo a restare in casa abbia creato un incremento della domanda di internet di circa il 40%, con punte del 50%. Se però questo trend dovesse rimanere stabile la rete internet potrebbe risentirne, avverte l'esperto: "Mettiamo che tutti da domani comincino a lavorare in videoconferenza o fare lezioni da remoto. Se improvvisamente questo cambiamento dovesse riguardare tutti, la rete dati si intaserebbe e con un incremento del 30, 40% si rischierebbe il collasso. Si tratta di un uso della rete che richiede molti dati. È un po' come mettere su un'autostrada molti tir contemporaneamente. Il traffico si bloccherebbe".

Per questo è necessario che il prima possibile si investa nelle infrastrutture, avverte Fleischner: "Ma per gli investimenti servono soldi. E in questo momento è davvero difficile immaginare dove si possano trovare".

Twitter: @arcangeloroc