Il prezzo del petrolio apre in rialzo dopo il bazooka della Bce

Il prezzo del petrolio apre in rialzo dopo il bazooka della Bce

Cosa succede dopo i nuovi stimoli messi in campo in particolare dalla Bce, che ha lanciato un nuovo Qe da 750 miliardi di dollari.

Borse europee coronavirus

Un trader con una mascherina a Wall Street

  • 07:45

    Borsa Tokyo chiude in calo, Nikkei -1,03%

    La Borsa di Tokyo chiude in calo nella giornata di mercoledì 18 marzo, nonostante il bazoka da 750 miliardi di euro messo in campo dalla Bce e il taglio dei tassi della banca centrale australiana. L'indice Nikkei, dopo un avvio in rialzo, termina la sua corsa in discesa dell'1,03% a 16.552 punti. Il colosso tecnologico Softbank lascia sul terreno il 17%.

  • 07:30

    Il prezzo del petrolio apre in rialzo dopo intervento Bce

    Il prezzo del petrolio apre in rialzo, dopo i nuovi stimoli messi in campo in particolare dalla Bce, che ha lanciato un nuovo Qe da 750 miliardi di dollari. Sui mercati asiatici i future sul Light crude Wti avanzano del 12,5% a 22,93 dollari, dopo aber guadagnato in precedenza il 20%, e quelli sul Brent crescono del 5% a 226,15 dollari. 

  • 07:24

    Euro sotto quota 1,09. Crolla sterlina mentre il dollaro domina

    Il biglietto verde domina i mercati e diventa l'unico bene rifugio verso cui convergono gli investitori. L'euro apre nella giornata di giovedì 19 marzo a 1.0902, dopo aver toccato un minimo di 1,0878 dollari. Euro/yen a 118,63. Il dollaro sale a 108,83 yen, vola a 1,1416 sulla sterlina, che crolla perché Londra prepara un drastico lockdown. Lo yuan scende ai minimi da 5 masi a 7,0700 sul dollaro

  • 07:22

    Borse asiatiche in forte calo, nonostante il bazooka della Bce

    Il bazoka da 750 miliardi di dollari varato mercoledì 18 marzo dalla Bce, oltre che le misura decise in Australia e negli Usa, non calmano i mercati. Le Borse asiatiche sono tutte in rosso. Tokyo arretra dell'1,08%, Shanghai dell'1,10%, Hong Kong del 2,76%, Seul del 7,95%, Taiwan del 5,8%.

  • 22:43

    Wall Street chiude il floor, da lunedì solo online

    Il New York Stock Exchange ha annunciato che da lunedì prossimo chiuderà temporaneamente il 'floor' e le contrattazione saranno tutte elettroniche, come misura di precauzione contro il coronavirus.

    Dopo le prossime due sedute a Wall Street, ha fatto sapere in un comunicato l'Intercontinentale Exchange, tutte le contrattazioni proseguiranno solo su piattaforme elettroniche e "i trading floor su azionario e options verrano temporaneamente chiusi".

  • 21:11

    Wall Street chiude in forte calo: il Dow Jones perde il 6,28%

    Wall Street chiude in forte calo, pur recuperando il terreno rispetto ai minimi di una giornata che ha registrato perdite superiori al 10% e una sospensione per eccesso di ribasso. Il Dow Jones cede il 6,28% a 19.903,64 punti, il Nasdaq cala dello 4,70% a 6.989,84 punti e lo S&P 500 scende del 4,86% a 2.406,17 punti.

    La paura del coronavirus torna a condizionare i mercati che invece ieri erano stati galvanizzati dalle misure di stimolo del governo Usa e della Fed. Oggi prevale negli investitori la sensazione che non si intraveda l'uscita dal tunnel. 

  • 19:51

    Il petrolio perde oltre il 24% in chiusura a New York

    Chiusura in pesante calo per il petrolio al Nymex. Il contratto future sul Wti ha terminato in ribasso del 24,38% a 20,37 dollari. Per il Wti si tratta del livello più basso dal febbraio 2002. Il Brent ha invece ceduto a Londra oltre il 14% a 24,67 dollari, livello minimo dal 2003.

  • 19:25

    Tonfo a Wall Street, il Dow Jones perde oltre il 10%

    Wall Street sprofonda a fine mattinata, con perdite superiori al 10%. In particolare, il Dow Jones cede il 10,23% a 19.064 punti, l'S&P 500 il 9,70% a 2.283 e il Nasdaq l'8,48% a 6.712. 

  • 18:30

    Wall Street riprende in profondo rosso

    Wall Street riprende in profondo rosso dopo la sospensione di 15 minuti. Il Dow Jones cede l'8,48%, il Nasdaq il 6,47% e lo S&P 500 il 7,55%. 

  • 18:15

    Wall Street sospesa per 15 minuti

    Wall Street estende le perdite con S&P che perde il 7,01% gli scambi vengono sospesi per 15 minuti. Il crollo dell'indice S&P 500 ha automaticamente innescato un meccanismo di blocco delle negoziazioni di un quarto d'ora. Al momento della sospensione, l'S&P 500 era in calo del 7,01%, il Dow Jones del 7,82% e il Nasdaq del 6,30%.

  • 17:50

    Le Borse europee chiudono in forte calo

     Le Borse europee chiudono in forte calo sulla scia di Wall Street che resta in profondo rosso. La paura della pandemia da coronavirus condiziona i mercati e l'Europa è percepita come l'epicentro dell'emergenza Covid-19. Piazza Affari soffre ma rimane il migliore fra i principali listini europei.

    Il Cac 40 a Parigi cede il 5,94% a 3.754,84 punti. L'Ftse 100 di Londra cala del 3,97% a 5.084,50 punti e il Dax di Francoforte del 5,47% a 8.450,25 punti. L'Ibex spagnolo lascia sul terreno il 3,14% a 6.293,00 punti. 

  • 17:43

    Milano in calo ma migliore in Ue, Ftse Mib -1,27%

    Piazza Affari chiude in calo la giornata di contrattazioni ma, con l'allargarsi dell'epidemia di coronavirus anche agli altri grandi Paesi del continente, tiene meglio degli altri mercati.

    A Milano il Ftse Mib, grazie a un recupero nel finale, si è fermato a -1,27%. Fra i titoli a maggior capitalizzazione le vendite colpiscono duramente la galassia del Lingotto: Fca perde oltre il 10%, Cnh il 13,3%, la holding Exor più del 12%.

    In calo, sia pur con differenze all'interno del comparto, i bancari: scivola Intesa, rimane vicina alla parità Unicredit. Fra gli industriali corre Pirelli (+7,8%), bene Prysmian; pesante, invece, Leonardo (-9,8%). Male Nexi nei pagamenti, sfiora il rialzo in doppia cifra Tim (+9,9%), lo centra, invece, Campari (+10,66%). Giù assicurativi e risparmio gestito. 

  • 17:25

    Euro: chiude debole, sterlina ai minimi dal 1985

    Chiusura in calo per l'euro che ha terminato la sessione a circa 1,0840 dollari e 117,40 yen. Il biglietto verde ha guadagnato terreno anche nei confronti della divisa giapponese in zona 117,40. Debolissima la sterlina a quota 1,175 contro il dollaro, sui minimi dal 1985. 

  • 17:03

    Milano vira in negativo: -0,97%

    E' durato poco il rialzo a Piazza Affari che nell'ultima fase di scambi torna in calo con il Ftse Mib a -0,97% e 15.164 punti; All Share -0,84%.

  • 16:55

    Lo spread scende a 243 punti

    Continua a calare lo spread tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi dopo l'intervento di Bce e Banca d'Italia sui mercati. Il differenziale, che si era spinto fino a quasi 320 punti, si attesta ora a quota 243. Il rendimento dei titoli italiani, che era arrivato a sfiorare il 3% si è raffreddato al 2,167%.

  • 15:35

    Piazza Affari in calo ma è la migliore d'Europa

    Piazza Affari soffre ma rimane il migliore fra i principali listini europei. Con l'allargarsi dell'epidemia di Coronavirus anche agli altri grandi Paesi del continente la borsa di Milano cala ma nettamente meno di quella francese e tedesca: il Ftse Mib, dopo l'apertura pesante di Wall Street, perde circa l'1,8%. Sempre pesante la galassia Fca (-9%), fra gli industriali sono invece tonici Prysmian e Pirelli. A due velocita' i bancari: tiene la parita' Unicredit (-0,11%), male invece Intesa Sanpaolo (-4%). A penalizzare gli istituti di credito anche l'andamento dello spread, in questo momento attorno ai 285 punti. Giu' gli assicurativi, denaro su Tim e Campari. 

  • 14:39

    Wall Street apre in rosso dopo il rimbalzo di ieri.

    Wall Street apre in rosso dopo il rimbalzo di ieri. Il Dow Jones perde il 4,94%, lo S&P il 5,13% e il Nasdaq il 5,14%. La paura della pandemia condiziona i mercati rendendoli estremamente volatili. Ieri a galvanizzare Wall Street ci avevano pensato le misure di stimolo del governo Usa e della Fed. Oggi prevale negli investitori la sensazione che non si intravede l'uscita dal tunnel. 

  • 11:54

    Petrolio ancora in calo, Wti a 25 dollari

    La guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita non dà tregua alle quotazioni del petrolio che sono in caduta libera e impermeabili alle azioni delle banche centrali. I future sul Wti perdono circa il 7% a 25,06 dollari al barile, livello minimo da aprile 2003. Il Brent arretra del 2,96% a 27,88 dollari al barile.

  • 11:37

    Milano accentua le perdite a metà mattina

    Piazza Affari accentua le perdite a metà mattinata, con il Ftse Mib che è in calo del 2,44%. I mercati non sembrano rassicurati dalle proposte messe in campo dai governi per fronteggiare la crisi economica legata all'epidemia di Coronavirus e la volatilità resta molto elevata; attorno alle 11.30 sono 7 i titolo sospesi sul paniere principale di Borsa Italiana. Sul fronte dei ribassi da segnalare i cali di Intesa Sanpaolo (sospesa a -6%) e, nella galassia del Lingotto, Fca (-7,92%) e Cnh (-9,9%); sono invece ben comprate le azioni Tim (+4,44%) e Campari (+5,78%). Bene Moncler nel lusso e Prysmian fra gli industriali; male gli assicurativi e il risparmio gestito.

  • 09:26

    A Piazza Affari vanno male i titoli energetici e finanziari

    Primissime fasi molto negative per la Borsa valori, segno che le misure approntate a livello internazionale per contenere l'impatto negativo del coronavirus non sono ritenute sufficienti: il Ftse Mib perde il 2,16% a quota 14.994 punti; All Share -2,12%. Negatvi energetici (Enel -4,39%, Eni 2,02%), industriali (Fca -2,68%) e finanziari, con Intesa Sanpaolo a 3,40% e Generali -2,95%. Sospesi Nexi e Atlantia. Juventus Fc invariata.

  • 09:10

    Borse europee tutte in rosso

    Le Borse europee aprono in rosso, nonostante il rimbalzone di ieri a Wall Street, dove gli indici hanno chiuso con rialzi tra il 5% e il 6%. Londra perde il 3,8%. A Milano l'indice Ftse Mib segna -2,14% e 14.987 punti. Francoforte va giù del 3,68%, Parigi del 2,5% e Madrid del 2,52%. La paura della pandemia da coronavirus condizione i mercati rendendoli estremamente volatili e l'Europa è percepita come l'epicentro dell'emergenza coronavirus.

  • 09:04

    La borsa di Milano apre in ribasso

    La Borsa di Milano ha aperto in ribasso la terza seduta settimanale con il Ftse Mib a -2,14% e 14.987 punti; All Share -2,11%. 

  • 09:04

    Lo spread scende a 272 punti

    Apertura in calo per lo spread tra Btp e Bund a 272 punti dai 278 punti della chiusura di ieri. Lo spread comunque è molto volatile. In precedenza, nelle primissime contrattazioni il differenziale era schizzato a un soffio da 300 punti (299,2 punti), poi è sceso a 266 punti. Ieri la Bce non aveva smentito la notizia che si era impegnata nell'acquisto di titoli di Stato italiani ed e' probabile che anche oggi stia intervenendo ed è per questo che lo spread è così oscillante.

  • 08:19

    In calo le quotazioni dell'oro

    Le quotazioni dell'oro sono in calo di circa dello 0,75% a 1.516 dollari l'oncia. I mercati hanno leggermente modificato i loro orientamenti sui beni rifugio, in attesa di possibili nuovi stimoli. 

  • 08:16

    Futures negativi a Wall Street

    Futures negativi a Wall Street, dopo l'allarme del segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, che avrebbe stimato una disoccupazione Usa fino al 20% se non si interviene contro il coronavirus. Mnuchin, secondo indiscrezioni di stampa, avrebbe lanciato questo monito durante l'incontro con i senatori repubblicani sugli 850 miliardi di dollari chiesti dal presidente Donald Trump al Congresso. I futures sul Dow Jones, che aveva recuperato oltre 1000 punti alla vigilia, sono in calo del 4% e quelli sullo S&P perdono quasi il 5%. La Borsa di Tokyo, partita in deciso rialzo, ha limato i guadagni allo 0,7%. Positiva Shanghai ma negative Honk Kong, Seul e Sidney

  • 08:14

    L'Euro apre sopra 1,10 dollari

    L'euro apre poco sopra 1,10 dollari, il biglietto verde cede e guadagnano yen e sterlina. Gli investitori sono alla ricerca di beni rifugio sicuri. La moneta europea passa di mano a 1,1017 dollari e 117,92 yen. Dollaro/yen giù a 107. La paura della pandemia da coronavirus condiziona i mercati rendendoli estremamente volatili. 

  • 08:09

    Il petrolio apre sotto i 27 dollari

    Nessuna tregua per il prezzo del petrolio, azzoppato dall'epidemia da coronavirus e dalla guerra dei prezzi in corso tra Russia e Arabia Saudita. Sui mercati asiatici il Light crude Wti, che ieri ha chiuso al Nymex in calo del 6,10%, oggi cedono l'1,7% sui mercati asiatici a a 26,46 al barile, ai minimi da 4 anni. I future sul Brent arretrano dello 0,77% a 28,57 dollari.