I peggiori crolli in Borsa della Storia, dai Tulipani al Coronavirus 

I peggiori crolli in Borsa della Storia, dai Tulipani al Coronavirus 

Il tracollo dei mercati finanziari causato dall'epidemia è l'ultimo capitolo di una lunga storia di rovesci

peggiori crolli storia borsa 

Un trader a Wall Street

Lo spettro di un prolungato tonfo dei valori azionari incombe su tutto il mondo a causa delle crescenti preoccupazioni per l'impatto economico del coronavirus. Le principali borse europee hanno perso tra il 25 e il 30% da metà febbraio.
Un crollo storico che arricchisce una lunga lista di rovesci.

- 1637: l'incidente del Tulipano
I tulipani esotici sono comunemente considerati la prima bolla speculativa della storia moderna. I prezzi del fiore per eccellenza dei Paesi Bassi si erano impennati all'inizio del XVII secolo, prima che scoppiasse nel 1637. I prezzi poi precipitarono a un decimo del loro valore precedente.

- 1720: la Speculazione in Gran Bretagna 
Risale a duecento anni fa il crollo delle borse in Gran Bretagna, dopo lo scoppio della bolla speculativa che portò al fallimento di The South Sea Company e della Law Bank.

- 1882: Crollo delle Borse francesi
Le borse di Parigi e Lione precipitano e la Francia sprofonda in una crisi economica in seguito al crollo della banca Union Generale.

- 1929: Wall Street e la Grande Depressione.
Giovedì 24 ottobre, l'indice Dow Jones perde più del 22% del suo valore all'apertura della sessione, ma recupera terreno per finire al 2,1%. Cade di nuovo del 13 per cento il 28 ottobre e del 12 per cento il 29 ottobre. Questa crisi alimenta la speculazione sui mercati azionari e segna l'inizio della Grande Depressione negli Stati Uniti e di una crisi economica mondiale.

- 1987: il primo crollo dell'era dell'infotech.
Il 19 ottobre 1987, Wall Street crolla. A causa di un forte deficit commerciale negli Stati Uniti e di un aumento dei tassi d'interesse da parte della Banca Centrale Tedesca, l'indice Dow Jones perde il 22,6% in un solo giorno. Altre borse di tutto il mondo ne seguono l'esempio. È il primo crollo dell'era informatica.

- 1998: tocca alla Russia.
Nell'agosto 1998, il rublo perde il 60 per cento del suo valore in 11 giorni, di cui il 17,13 per cento il 27. La Russia attraversa una crisi economica e monetaria, in parte legata alla crisi finanziaria asiatica del 1997.
Negli Stati Uniti, l'hedge fund Long Term Capital Management (LTCM) viene salvato dalla Federal Reserve statunitense dopo aver subito perdite rilevanti su investimenti altamente speculativi a seguito della crisi finanziaria asiatica.

- 2000: la bolla di Internet. 
Si sgonfia la bolla di dot.com. Dopo il record di 5.048,62 punti del 10 marzo, l'indice del Nasdaq, che ha registrato un calo del 27 per cento nelle prime due settimane di aprile e del 39,3 per cento nel corso dell'anno. Questo calo ha un effetto domino su tutti i mercati legati alla nuova internet economy.

- 2002: è la volta degli scandali contabili.
Gli scandali contabili del gigante dell'energia statunitense Enron e del gruppo di telecomunicazioni Worldcom perturbano le borse di tutto il mondo nel 2002.

- 2008: la crisi dei subprime
Le conseguenze della cosiddetta crisi dei cosiddetti "subprime" statunitensi, che negli Stati Uniti ruotava intorno a titoli finanziari garantiti da ipoteche a rischio, si diffondono sui mercati finanziari di tutto il mondo. Da gennaio a ottobre 2008, i principali mercati azionari globali perdono dal 30 al 50% del loro valore, con perdite che raggiungono il loro picco in diverse sessioni di ottobre.

- 2011: arriva la crisi del debito. 
I mercati finanziari sono in preda al panico in seguito al declassamento del debito statunitense del 5 agosto 2011, dopo che le borse mondiali hanno visto la loro settimana peggiore dalla crisi del 2008. Lo spettro di un crollo incombe sulle borse mondiali, colpite dal crollo del settore bancario e dalle voci di un peggioramento della situazione del debito nell'eurozona.

- 2015: è il turno del Dragone. 
Dopo che il facile accesso al denaro preso in prestito porta a una bolla di debiti, a metà del 2015 in Cina l'indice di riferimento di Shanghai crolla del 40% in diverse settimane di scosse sui mercati globali.