Coronavirus: Italia chiede respiratori, ma i paesi Ue non rispondono

Coronavirus: Italia chiede respiratori, ma i paesi Ue non rispondono

È quanto emerge da un documento riservato che sintetizza l'esito dell'incontro, di cui l'AGI è entrata in possesso

coronavirus respiratori ue

Dopo le mascherine, l'Italia ha chiesto agli altri paesi dell'Unione Europea la fornitura di ventilatori polmonari, ma nessuno degli Stati membri ha risposto durante la teleconferenza che si è tenuta oggi tra i ministri della sanità dei 27. È quanto emerge da un documento riservato che sintetizza l'esito dell'incontro, di cui l'AGI è entrata in possesso.

Durante la riunione, il commissario al Mercato interno, Thierry Breton, ha chiesto all'Italia se avesse "una richieste urgente".

La risposta dell'Italia è stata: "abbiamo necessità di ventilatori polmonari". Tuttavia, "nessuna delle delegazioni ha risposto alla richiesta dell'Italia, cosa che ha spinto il commissario Breton a ritornare sulla questione chiedendo di rispondere entro domani", si legge nel documento riservato.

Il 28 febbraio scorso la Commissione aveva annunciato la richiesta dell'Italia di attivare il Meccanismo di protezione civile dell'Ue per avere mascherine.

Anche allora nessuno degli altri Stati membri aveva risposto alla richiesta. "Chiediamo responsabilità, solidarietà e azione coordinata europea", ha scritto su Twitter Breton dopo l'incontro dei ministri della Sanità, annunciando l'obiettivo "di aumentare la produzione de materiale medico e evitare interruzioni delle forniture attraverso l'Europa".