Wall Street chiude la settimana in rosso. ​Crolla il prezzo del petrolio

Wall Street chiude la settimana in rosso. ​Crolla il prezzo del petrolio

Tornano le preoccupazioni degli investitori sugli sviluppi dell'epidemia di coronavirus

chiusura prima settimana marzo wall street

Chiusura di settimana in rosso per Wall Street, che recupera nella giornata di venerdì 6 marzo dopo una drammatica seduta in cui il Dow Jones è arrivato a perdere oltre il 3% e il Nasdaq oltre il 4%. Tornano le preoccupazioni degli investitori sugli sviluppi dell'epidemia di coronavirus.

Negli Usa i decessi hanno superato la dozzina e numerosi Stati hanno ormai confermato i primi casi. Il Dow Jones cede lo 0,98% a 25.866,47 punti, il Nasdaq perde l'1,87% a 8.575,62 punti e lo S&P 500 l'1,71% a 2.972,10 punti.  

Il prezzo del petrolio precipita a New York dopo il mancato accordo dell'Opec Plus di fronte al crollo della domanda e delle quotazioni per l'epidemia da coronavirus.

A mettere i bastoni tra le ruote è la Russia, non convinta che un ulteriore taglio alla produzione di 1,5 milioni di barili di petrolio al giorno sia la risposta giusta. Al Nymex il Wti perde 4,62 dollari (il 10,1%) a 41,28 dollari al barile, il Brent cede 4,47 dollari (l'8,94%) a 45,52 dollari al barile.