Che cosa sono i minibot (o minibond) e perché se ne parla

Sono tornati di attualità dopo che il 28 maggio la Camera ha approvato all’unanimità una mozione che li propone tra i vari strumenti con cui cercare di risolvere il problema delle imprese creditrici dello Stato 

minibond minibot cosa sono
 Pixabay
 Euro

Bot (Buoni Ordinari del Tesoro), sono titoli del debito pubblico italiano di breve termine, cioè con scadenza a 3, 6 o 12 mesi. Gli investitori che li acquistano prestano di fatto soldi allo Stato per un breve periodo di tempo, a fronte di un tasso di interesse (più basso ad esempio di quello concesso per i Btp con scadenze pluriennali). Possono essere sottoscritti per un valore nominale minimo di mille euro.

I “minibot”, cioè di Bot di piccolo taglio (5, 10, 20, 50 e 100 euro), di aspetto simile alle banconote, con cui lo Stato potrebbe pagare i propri creditori e con cui i cittadini potrebbero pagare lo Stato (tasse, controllate, benzina ai distributori Eni e via dicendo). A differenza dei Bot, non avrebbero scadenza o tassi di interesse.

Il tema dei minibot è tornato di attualità dopo che il 28 maggio la Camera ha approvato all’unanimità una mozione (a prima firma Simone Baldelli di Forza Italia) con cui, tra i vari strumenti con cui si cerca di risolvere il problema delle imprese creditrici dello Stato che non vengono pagate nei termini, si impegna il governo a consentire il pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni con "titoli di Stato di piccolo taglio".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it