Manovra, Tria scrive all'Ue: deficit 2,4% nel 2019 e 2,1% nel 2020, confronto aperto

Manovra Tria Ue lettera deficit 

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, ha inviato alla Commissione europea una lettera per illustrare i contenuti del Def. "Come sostenuto in diverse occasioni, la manovra di bilancio che questo Governo si appresta a varare è coraggiosa e responsabile, puntando alla crescita e al benessere dei cittadini, assicurando in seguito un profilo di riduzione del deficit, che passerà dal 2,4% del 2019 al 2,1% del 2020 per chiudere all'1,8% del 2021", scrive Tria, secondo il quale la manovra "porterà un aumento della crescita all’1.5% nel 2019 per arrivare all’1.6 e l’1.4 negli anni successivi".  “Ora - scrive il ministro - si apre la fase di confronto con la Commissione Europea, che potrà valutare le fondate ragioni della strategia di crescita del Governo delineata dalla manovra. Come è avvenuto all’interno del Governo - sottolinea Tria - auspico che il dialogo con la Commissione Europea rimanga aperto e costruttivo, tenendo conto delle reali esigenze di cittadini e imprese e del ruolo che svolgono le Istituzioni. In questo dialogo il Governo si presenta compatto e fiducioso”.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it