Di Maio ha annunciato un fondo di investimento pubblico in startup entro dicembre

Il ministro dello Sviluppo economico sul palco del Digithon di Bisceglie ha annunciato i piani del governo sulle imprese innovative

Di Maio ha annunciato un fondo di investimento pubblico in startup entro dicembre
 (Agf)
 Luigi Di Maio

"Entro dicembre lanceremo un fondo di venture capital, sul modello francese, per investire in startup italiane". Il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, intervenendo al Digithon di Bosceglie, ha annunciato i piani del governo per finanziare le aziende innovative italiane. "Noi vogliamo tenere in Italia le idee innovative, per fare in modo che crescano qui e creino qui occupazione per il Paese".

"In Italia si investe ancora poco in startup", ha aggiunto Di Maio, "circa 130 milioni l'anno. L'obiettivo è fare quello che hanno fatto in Francia: creare anche attraverso una banca di investimento pubblica le condizioni affinché le aziende di giovani che fanno innovazione non vengano acquistate da colossi stranieri e vadano all'estero, ma restino in Italia".

Perché la Francia è un modello, Di Maio lo spiega così: “In Francia hanno creato un fondo pubblico ad alta redditività, poi sono andati dalle casse di previdenza dei professionisti, dalle partecipate, e hanno chiesto un contributo garantendo ritorno nell’investimento. È un patto pubblico privato per il futuro dei giovani e delle idee innovative. “Possiamo farlo anche noi, possiamo chiedere alle nostre partecipate di sottoscriverlo. Il nostro obiettivo è fare anche meglio di quanto fatto a Parigi". 

Di Maio ha citato a modello la BPI France, volano della crescita degli investimenti in startup in Francia, passati in cinque anni da un numero di investimenti simile a quello dell'Italia a 3 miliardi circa l'anno. Ma non è chiaro quale parte del modello francese l'Italia dovrebbe emulare. “Lo stato deve sostenere le imprese”, ha poi concluso Di Maio. “Le aziende francesi hanno alle spalle la banca pubblica degli investimenti nazionale, che finanzia le imprese e consente loro di competere a livello internazionale. C’è un tema di sovranità nazionale, che riguarda anche le imprese. Se non le sappiamo difendere, vanno all’estero e perdiamo posti di lavoro e opportunità”.

Il ministro non ha dato altri dettagli sul funzionamento di questo fondo, né sulle modalità in cui dovrà operare. Ma le tempistiche lasciano intendere che, per partire a dicembre, tutto dovrà essere pronto entro la prossima legge di bilancio. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.