"Cari ragazzi, fate gli operai". La lettera del presidente di Confindustria Cuneo

Mauro Gola spiega ai genitori cosa dovranno studiare i loro figli per trovare lavoro

"Cari ragazzi, fate gli operai". La lettera del presidente di Confindustria Cuneo

L'elevatissima disoccupazione giovanile in Italia dipende solo dalla lunga crisi economica o anche dalla scelta di percorsi formativi che non aiutano a trovare lavoro? Già, perché in alcuni distretti industriali la ripresa, trainata dall'export record, procede spedito è quello che manca non sono i posti di lavoro ma le persone con i profili adatti per occuparli. Ed è questo il messaggio inviato dal presidente di Confindustria Cuneo, Mauro Gola, alle famiglie che si apprestano a iscrivere i loro figli alle scuole superiori, in una lettera aperta pubblicata da La Stampa

"Cari genitori, qualsiasi percorso scolastico individuerete per i vostri ragazzi, avrete fatto una buona scelta, perché tutte le nostre scuole sono eccellenti e qualificate. Ma nostro dovere è evidenziarvi questa realtà. Perché sono queste le persone che troveranno subito lavoro una volta terminati gli studi", scrive Gola, "nel 2017 le aziende cuneesi nel loro complesso, hanno manifestato l’intenzione di inserire circa 40.000 nuovi lavoratori. Di questi, il 19% sono addetti agli impianti e ai macchinari, il 18% operai specializzati, l’11% tecnici specializzati. Queste sono le persone che troveranno subito lavoro una volta terminato il periodo di studi, di cui le nostre imprese hanno estremo bisogno e che spesso faticano a reperire".  

"Spesso si sceglie sulla base di aspetti emotivi e ideali"

"Tanti di voi, si trovano in questi giorni ad affrontare una difficile decisione: la scelta della scuola superiore per il proprio figlio", prosegue il presidente di Confindustria Cuneo, "una scelta dalla quale dipenderà gran parte del suo futuro lavorativo, ma che spesso viene fatta dando più importanza ad aspetti emotivi e ideali, piuttosto che all’esame obiettivo della realtà. Quella realtà, tuttavia, che si imporrà in tutta la sua crudezza negli anni in cui il vostro ragazzo cercherà lavoro ed incontrerà le difficoltà che purtroppo toccano i giovani che vogliono inserirsi nel mondo produttivo". 

"Riteniamo che la cosa più giusta da fare sia capire quali sono le figure che le nostre aziende hanno intenzione di assumere nei prossimi anni e intraprendere un percorso di studi che sbocchi in quel tipo di professionalità. Un atteggiamento che potrete definire squisitamente razionale, ma che denota responsabilità nei confronti dei nostri figli e del benessere sociale e del nostro territorio. Servono operai specializzati, tecnici esperti nei servizi alle aziende, addetti agli impianti e ai macchinari. Il nostro dovere è quello di evidenziarvi questa realtà. Queste sono le persone che troveranno subito lavoro una volta terminato il periodo di studi. Poi la scelta sarà vostra e dei vostri ragazzi e qualsiasi percorso scolastico individuerete, avrete fatto una buona scelta perché tutte le scuole della nostra provincia sono eccellenti e qualificate. Ad ogni modo, gli uffici di Confindustria Cuneo sono a disposizione delle famiglie per fornire maggiori informazioni sul mercato del lavoro in provincia di Cuneo". 

Quali sono le figure professionali che mancano?

Nella provincia di Cuneo lo scorso anno hanno trovato lavoro 40.360 persone, "la maggior parte nei settori del commercio, turismo e servizi (61%), il resto nell’industria", sottolinea il quotidiano torinese, "sul totale degli assunti, oltre la metà ha un diploma professionale: il 19% sono addetti agli impianti, il 18% operai specializzati, l’11% tecnici specializzati. Numeri forniti dal Centro studi di Confindustria Cuneo, analizzati dai vertici e messi a disposizione dei genitori".  

Un’indagine di Confindustria Cuneo ha evidenziato quali sono i profili professionali di cui c'è carenza: "nella 'Granda', su 3.790 nuovi laureati richiesti dal mondo del lavoro nel 2017, più del 33% non è stato trovato sia per assenza di candidati, sia per la loro preparazione inadeguata. Mancano ingegneri industriali (55% di richieste disattese), architetti (77,7%), chimici (76%) e informatici (54,2%)". "Serviranno sempre ingegneri e architetti", aggiunge Gola, "ma le principali necessità sono di operai specializzati. E va cambiato anche un concetto: non sono più gli operai sfruttati anni ’60, ma persone con competenze tecniche, creatività e manualità, oltre che molto ben pagate, perché spesso vengono impiegate all’estero".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it