Solo l'8% degli italiani non usa lo smartphone per andare su Internet

Diffuso anche l'utilizzo del web per leggere informazioni e notizie (57%), per scaricare immagini, film, musica e/o giochi (47,3%) e per i servizi bancari (46,4%). Il 29,3%, infine. lo usa per relazionarsi con la Pubblica amministrazione

istat smartphone
CHRISTOF STACHE / AFP

I cellulari e gli smartphone, fattore di traino nell'accesso al web. Una ricerca dell'Istat rileva che tra gli utenti di 14 anni e più, il 91,8% ha utilizzato lo smartphone, il 43,3% accede tramite PC da tavolo, il 27,2% utilizza il laptop o il netbook, seguono quelli che si avvalgono del tablet (25,7%) mentre il 6,1% utilizza e-book, smart watch o altri dispositivi mobili.

L'adozione dei dispositivi presenta alcune specificità generazionali. Sono i giovani di 20-24 anni a utilizzare in modo combinato pc e smartphone (43,9% contro 35,7% della media) anche se una quota consistente accede esclusivamente tramite lo smartphone (29,5%). Le persone di 65 e più presentano la quota più elevata di chi accede esclusivamente attraverso il pc (18,7% contro 5,4% della media).

Alcune curiosità

Il 39,5% delle donne di 60 anni e più ricorre esclusivamente allo smartphone per navigare in rete con uno scarto di 14 punti percentuali rispetto ai coetanei maschi. Gli uomini di 65 anni e più sono invece caratterizzati dall'uso esclusivo del PC (22,1% contro 14,2% delle donne). Inoltre l'uso esclusivo dello smartphone è più diffuso proprio tra quei segmenti di popolazione caratterizzati anche da un minor utilizzo di Internet, ovvero tra le persone con basso titolo di studio (51,7%) e trai residenti nel Mezzogiorno (40,7%).

Indipendentemente dal dispositivo utilizzato, le attività più diffuse sul web sono quelle legate all'utilizzo di servizi di comunicazione che consentono di entrare in contatto con più persone contemporaneamente. Negli ultimi tre mesi, oltre otto internauti di 14 anni e più su dieci hanno utilizzato servizi di messaggeria istantanea e poco meno di due terzi (64,5%) hanno effettuato chiamate via Internet.

Diffuso anche l'utilizzo del web per leggere informazioni e notizie (57,0%), per scaricare immagini, film, musica e/o giochi, incluso il giocare, (47,3%) e per i servizi bancari (46,4%). Il 29,3% utilizza il web per relazionarsi con la PA.

Le donne mostrano un vantaggio solo nell'uso dei servizi di comunicazione, particolarmente marcato per le donne di 65 anni e più che utilizzano servizi di messaggistica (+ 8,7 punti percentuali rispetto agli uomini). A eccezione dei servizi di messaggeria istantanea, per cui non si evidenziano significative differenze territoriali, l'uso di Internet per telefonare è più diffuso nel Mezzogiorno (70,1%) mentre per le attività di e-banking e per la lettura di informazioni e notizie si registra un vantaggio del Nord.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it