Tutto ciò che sappiamo sull'iPhone X, in vendita dal 12 settembre

Il più atteso, ma anche il più spifferato: piccolo recap di tutte le informazioni di cui si è saputo finora: il prezzo (sarà più caro di sempre), le espressioni facciali che diventano 'emoji' fino all'eliminazione del tasto 'Home'

Tutto ciò che sappiamo sull'iPhone X, in vendita dal 12 settembre

È il più atteso ma anche il più spifferato. In attesa del lancio ufficiale, domani alle 19 ora italiana, si sa già molto (anche se non ci sono conferme ufficiali) del nuovo iPhone. Questa volta, oltre alle solite indiscrezioni, più o meno attendibili, c'è stato di più: una fonte, con tutta probabilità una talpa interna ad Apple, ha inviato a due testate specializzate, 9to5Mac e MacRumors, la versione preliminare di iOS 11. Il sistema operativo della Mela, presentato ma non ancora rilasciato, svelerebbe alcune funzionalità del dispositivo. E, spulciando le righe di codice, si possono ottenere molte informazioni. Ecco quello che si sa finora.

Display full screen

Gli iPhone saranno tre:

  • iPhone X,
  • iPhone 8 e
  • 8 Plus.

Il più atteso è il primo. Dieci in numero romano, per rimarcare i dieci anni dal lancio del primo smartphone della Mela nel 2007. è su questo dispositivo che si concentra la curiosità di addetti ai lavori e utenti. Perchè segna, soprattutto nel design, uno strappo rispetto al passato. Il display sarà Oled da 5,8 pollici, risoluzione di 1125x2436 pixel (molto meglio degli Lcd degli iPhone 7 da 1334 x 750) e rapporto di forma pari a 18.5:9, più allungato del classico 16:9. Ma soprattuto sarà "full screen", con i bordi ridotti ai minimi termini, estremizzando un trend già visto sui concorrenti presentati quest'anno, a partire da Samsung.

Addio al tasto Home

La trasformazione non è solo estetica, perchè costringe a eliminare il tasto Home, vera e propria firma di Cupertino. Le sue funzionalità saranno trasferite sul display. E sul tasto laterale, con cui si potrà spegnere e accendere il dispositivo, attivare il Face ID e Siri. Una novità assoluta è invece la possibilità di chiamate di emergenza senza toccare lo schermo: basterà tenere premuto il pulsante laterale per 5 secondi (o in contemporanea con quello del volume) per lanciare un Sos.

La faccia sostituisce le impronte

Pare invece destinato alla soffitta il Touch ID: il riconoscimento delle impronte digitali passava proprio dal tasto Home. L'alternativa di trasferire il sensore sulla parte posteriore dell'iPhone non pare essere stata percorsa. Il Touch ID potrebbe quindi essere escluso, a vantaggio di un altro sistema di riconoscimento biometrico, quello facciale: il Face ID. L'iPhone X potrà essere sbloccato con la scansione del volto. Secondo quanto trapelato, dovrebbe consentire di accedere non solo allo smartphone ma anche ai servizi di Apple, come iTunes e App Store.

Tutto ciò che sappiamo sull'iPhone X, in vendita dal 12 settembre
 Apple

Anomoji e realtà aumentata

Il riconoscimento facciale e l'evoluzione dei sensori dovrebbe portare anche alla nascita delle "Animoji": l'iPhone intercetta l'espressione dell'utente e la trasformano in una emoji personalizzata. Potrebbe essere solo la prima di applicazioni in realtà aumentata su cui la Mela punta molto (il 5 giugno ha lanciato un kit per gli sviluppatori dedicato, ARKit).

Barra di stato

Tra gli effetti collaterali del display a tutto schermo c'è uno spazio ristretto per la barra di stato, divisa in due da una delle poche zone non touch. In una delle due porzioni ci sarà l'orario; nell'altra stato della batteria, del segnale e del wifi. Quando sarà in carica, l'icona della batteria si ingrandirà, ma non saranno visibili le icone che riguardano la qualità delle connessioni.

Il melafonino più caro di sempre

L'iPhone X sarà completamente in vetro e avrà (anche in questo caso seguendo una tendenza in atto per i top di gamma) una doppia fotocamera posteriore (la principale sarà da 12 megapixel e potrà girare video in 4k) e una frontale da 7 megapixel. Il rilascio indesiderato di iOS 11 ha svelato anche la presenza di nuovi sfondi. Caratteristiche e appeal faranno lievitare il prezzo: è quasi certo un cartellino da oltre 1.000 dollari, con alcuni analisti che si sono spinti fino a quota 1400.

Gli altri dispositivi ancora in commercio

Ci saranno però anche gli iPhone 8 e 8 Plus. Dovrebbero seguire un'evoluzione più lineare rispetto all'iPhone X, anche dal punto di vista estetico. Resta da capire come verrà modulata la gamma, cioè quali saranno le differenze in dotazione ai tre smartphone.

Aipods e Apple Watch

L'evento Apple dovrebbe presentare anche i nuovi AirPods, gli auricolari senza fili. Con alcuni ritocchi estetici e una nuova custodia che fa anche da "caricatore". Infine, è atteso un nuovo Apple Watch. Il design dovrebbe essere fedele ai predecessori, ma l'orologio avrà una connessione LLte che permetterà al dispositivo di rendersi indipendente dall'iPhone. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it