Ecco il primo Huawei con il buco; presentato Nova 4

La casa cinese inaugura quello che pare potersi imporre come il nuovo standard stilistico del 2019: un buco all'interno del display che sostituisce il notch e ospita l'obiettivo della fotocamera

huawei nova 4 

Dopo settimane di indiscrezioni, ecco svelato il Nova 4, il primo smartphone di Huawei con il foro. La casa cinese inaugura quello che pare potersi imporre come il nuovo standard stilistico del 2019: un buco all'interno del display che sostituisce il notch e ospita l'obiettivo della fotocamera.

Ne viene fuori uno smartphone a tutto schermo, con bordi ridotti all'osso e display che occupa oltre l'86% della superficie frontale complessiva.

Com'è fatto il Nova 4

Lo smartphone ha uno schermo da 6,4 pollici ed è mosso dal processore Kirin 970, lo stesso del P20 Pro. Completano il quadro 8GB di Ram e una memoria interna da 128 GB. Come da indiscrezioni, la fotocamera posteriore è da record: 48 megapixel. Vedremo se questo si tradurrà in qualità fotografica all'altezza delle aspettative.

Il set posteriore è completato da un obiettivo grandangolare da 16 megapixel e da un terzo da 2 megapixel. La fotocamera frontale incastonata nel display è invece da 25 megapixel. Notevole, come caratteristica di Huawei è la potenza della batteria: 3.750 mAh, dotata di ricarica rapida.

Cina e mercato internazionale

Il Nova 4 non è un top di gamma, come si nota anche dal prezzo. In Cina sarà disponibile dal 27 dicembre, con prezzo che equivale a 435 euro. Quando arriverà in Europa, il costo lieviterà. Questo dispositivo Huawei è il terzo smartphone con il foro lanciato nel giro di pochi giorni.

Prima è stato il turno del Samsung A8s: design simile ma con un buco di dimensioni maggiori. Poi è stata la volta di Honor View 20, gemello del Nova 4. Le sue specifiche non sono state ancora rivelate, anche se sono già circolate le immagini ufficiali: il design è identico a quello di Huawei, tanto che sul mercato internazionale potrebbe arrivare solo uno dei due.   

 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it