Unicredit terzo incomodo nella fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank

Qualora il matrimonio tra i due colossi finanziari tedeschi fallisca, l'istituto italiano è pronto a farsi avanti per rilevare il secondo. Ma i mercati sono perplessi

fusione commerzbank deutsche bank unicredit

Come un fiume carsico, torna a riaffacciarsi per Unicredit l'ipotesi di un'operazione con Commerzbank, la seconda banca tedesca, che attualmente sta trattando una fusione con Deutsche Bank. A rilanciare questa prospettiva, che i mercati hanno accolto con una certa freddezza (il titolo Unicredit a Piazza Affari ha perso lo 0,66% giovedì e venerdì lo 0,69% a fronte di un andamento generalmente positivo dei bancari), è stato il Financial Times, secondo cui se l'operazione fra i due istituti tedeschi fallisse, la banca guidata da Jean Pierre Mustier potrebbe tornare a farsi avanti, riprendendo gli abboccamenti che c'erano stati nel 2017.

Presentando il bilancio al 31 dicembre, tuttavia, l'ad di Unicredit aveva detto a chiare lettere che, anche su un orizzonte temporale più lungo del piano Transform 2019 che è su base organica, non vedeva operazioni europee per la banca negli anni immediatamente successivi, ovvero in quelli che saranno affrontati nel nuovo piano, che sarà presentato a Londra questo dicembre. Proprio in vista di questo appuntamento il manager francese ha rivoluzionato la prima linea della banca, eliminando la figura del direttore generale e costruendo un team di otto manager che, oltre a lavorare al nuovo piano, avranno anche il compito di metterlo in atto.

Non è un mistero che più volte, negli ultimi anni, Mustier abbia valutato operazioni straordinarie: nel 2017 guardò proprio a Commerbank, mentre lo scorso anno è stato il caso SocGen a tenere banco. A impedire che quest'ultima opzione venisse approfondita fu anche l'evoluzione della situazione politico-economica dopo le elezioni dello scorso 4 marzo, con le tensioni sull'asse Roma-Parigi e con l'impennata dello spread che tanto ha pesato sulle quotazioni degli istituti bancari italiani, rendendo più complicata un'operazione che già di suo presentava tutti i problemi di un'integrazione bancaria trasfrontaliera. 

Nel caso di Commerzbank, invece, va considerato che Unicredit ha già una presenza significativa in Germania. Lo scorso autunno, poi, circolarono indiscrezioni che parlavano di un piano di separazione delle attività italiane di Unicredit da quelle tedesche ed europee.
Anche nell'ipotesi di una fusione con Commerzbank secondo lo schema riportato dal FT ci sarebbe in qualche modo una separazione, visto che l'istituto manterrebbe la sede a Milano e la nuova entità tedesca rimarrebbe invece quotata a Francoforte.

Cosa dicono gli analisti

"Da un punto di vista industriale l'operazione con Unicredit avrebbe più senso di una fusione con Deutsche Bank", notano gli analisti di Mediobanca, che tuttavia sottolineano come l'articolo del FT sia "più un modo di mettere pressione ai cda" dei due gruppi tedeschi, che dovrebbero prendere una decisione sul tema a stretto giro. Già nel 2017 le avances di Unicredit furono respinte dalla politica tedesca che, sottolineano ancora da piazzetta Cuccia, "anche oggi sarebbe un attore chiave vista la quota del 15% che il governo di Berlino detiene in Commerzbank".

Rispetto ad allora, inoltre, lo spread fra carta italiana e carta tedesca è di 100 punti più alto, cosa che "verosimilmente rende la situazione politica ancora meno benevolente verso una fusione" di questo tipo. Anche gli analisti di Equita sono dubbiosi. "Siamo molto scettici su operazioni di M&A trasfrontaliere (nel settore bancario, ndr). Avremmo perplessità dal punto di vista operativo: Commerzbank ha una redditività che è la metà di quella di Unicredit", notano fra le altre cose, indicando la necessità di trovare ampie sinergie per rendere vantaggiosa la mossa e rimarcando come siano difficili da ottenere.

Di certo, con il titolo a circa 12 euro, Mustier sente la pressione dei soci, a partire dai fondi internazionali che hanno sottoscritto l'aumento, per cercare di guidare la risalita del titolo. Stando da sola, prosegue il report di Equita, "Unicredit ha un potenziale di crescita", che potrebbe concretizzarsi attraverso la pulizia di bilancio facendo risalire le quotazioni nel medio termine. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.