Fca potrebbe chiudere un impianto in Europa a causa del coronavirus

Lo ha detto il Ceo di Fca Mike Manley, nel corso della presentazione agli analisti dei risultati 2019. "Le interruzioni dei fornitori cinesi potrebbero compromettere la produzione in uno stabilimento in Ue in 2-4 settimane"

fca chiusura impianto europa
 Afp
 Fca

Uno degli impianti di Fca in Europa rischia di chiudere entro 2-4 settimane per la mancanza di rifornimenti dalla Cina dovuti all'impatto del Coronavirus: lo ha detto il Ceo di Fca Mike Manley. "Le interruzioni dei fornitori cinesi potrebbero compromettere la produzione in uno stabilimento in Ue in 2-4 settimane", ha detto. 

Manley ha paventato questo rischio parlando con il Financial Times e con Reuters. Il direttore finanziario di Fca, Richard Palmer, durante la presentazione dei conti 2019 ha sottolineato che l'impatto del coronavirus "al momento non è calcolabile, monitoriamo la situazione". 

Sono "quattro" aziende fornitrici di Fca Chrysler colpite in Cina dal coronavirus, di cui una in situazione "critica" e che potrebbe mettere a rischio una fornitura, e quindi conseguentemente la produzione europea. Lo ha detto al Financial Times l'amministratore delegato del gruppo italo-americano Mike Manley. "Abbiamo individuato un fornitore che potrebbe mettere ad alto rischio la produzione", ha detto il manager.

Entro due o quattro settimane, cioè tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo, l'azienda saprà "se la fornitura sarà interrotta per uno dei nostri stabilimenti" europei, ha aggiunto senza specificare quale.

Gli altri tre produttori di componenti potranno causare ulteriori rischi qualora se le chiusure degli stabilimenti cinesi rimarranno in vigore per tutto il mese di febbraio Manley ha spiegato che un team dedicato all'interno di FCA è stato incaricato di monitorare i componenti dell'azienda e qualsiasi potenziale impatto produttivo, compresa la ricerca di fonti alternative, cosa che richiede tempo perché i nuovi componenti devono essere certificati e registrati.

Il 2019 di Fca

"Il 2019 è stato un anno storico per Fca. Abbiamo continuato a creare valore per i nostri azionisti e intrapreso iniziative mirate alla crescita futura rafforzando in modo sostanziale la nostra posizione finanziaria, impegnandoci a investire in prodotti chiave e perfezionando un Combination Agreement con Psa", ha sottolineato Manley, commentando i risultati di bilancio.

Fca ha chiuso il 2019 con un utile netto delle Continuing Operation a 2,7 miliardi (il 19% in meno rispetto all'anno precedente) e con ricavi pari a 108,187 miliardi (-2% sul 2018). Si tratta di "risultati robusti", sottolinea in una nota. L'utile netto adjusted è stato pari a 4,3 miliardi di euro, l'Ebit adjusted a 6,7 miliardi di euro e margine al 6,2%. Risultato e margine record in Nord America.

Nel corso del 2019 - si legge - Fca ha tenuto fede all'impegno di continuare a generare valore per i propri azionisti. I risultati record raggiunti in Nord America e il miglioramento registrato in America Latina hanno permesso al Gruppo di realizzare una forte performance con il margine Ebit adjusted al 6,2%.

Le consegne globali complessive, (4.418.000 veicoli, in calo del 9%) diminuiscono principalmente per la riduzione degli stock presso la rete di vendita in Nord America, le minori consegne della JV cinese e, in Emea, per le iniziative sui canali di vendita e l'uscita di produzione di alcuni modelli.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it