Economia circolare: Eni e Pertamina firmano un memorandum di intesa

Siglato anche un accordo di base per una Joint Venture dedicata alla costruzione di una bio-raffineria all’interno di un complesso già esistente

Economia circolare Eni Pertamina descalzi

Il presidente direttore di Pertamina, Nicke Widyawati, e l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno firmato un memorandum d'intesa per individuare le sinergie tra le rispettive tecnologie, expertise e know how. L'obiettivo, riferisce una nota, è identificare nuove opportunità di collaborazione nell’ambito dell’economia circolare, driver di sviluppo strategico per Eni e le proprie società Syndial (Ambiente) e Versalis (Chimica). Le parti intendono anche discutere di collaborazioni nello sviluppo di prodotti a basso contenuto carbonico ed energie rinnovabili.

Eni e Pertamina, in particolare, hanno concordato di individuare opportunità di collaborazione nell’ambito dei processi di trasformazione e valorizzazione dei rifiuti e delle biomasse, facendo leva anche sulle tecnologie proprietarie di Eni (Waste to fuel, Waste to  hydrogen,  Sewage  sludge  conversion  into  boimethane  production  by  anaerobic  digestion, Advanced  biofuels from biomass, Chemicals from biomass). Eni e Pertamina valuteranno aree di cooperazione nell’ambito del riciclo e riutilizzo dei materiali: dal trattamento e valorizzazione delle acque, al riciclo dei polimeri, fino all’applicazione dei processi di ecodesign per massimizzare la riciclabilità dei prodotti finali. Il memorandum prevede anche la valutazione di collaborazioni in ricerca e sviluppo tecnologico per la valorizzazione di scarti e rifiuti, la biofissazione della CO2 e il suo riutilizzo nella mobilità sostenibile. nfine, le parti discuteranno opportunità di business, sia in Indonesia che a livello internazionale, nell’ambito delle energie rinnovabili.

Eni e Pertamina hanno anche firmato un accordo di base per una Joint Venture dedicata alla costruzione di una bio-raffineria all’interno di un complesso già esistente, in Indonesia. Nel quadro della partnership, sono stati anche sottoscritti i termini chiave per un accordo relativo all’utilizzo degli asset di bio-raffinazione di Eni in Italia, basati sulla tecnologia Eni Ecofining Technology: questo consentirà all’olio vegetale idrotrattato (Hvo) di raggiungere il mercato indonesiano.

Eni opera in Indonesia dal 2001 e attualmente ha un ampio portafoglio di asset in esplorazione, produzione e sviluppo. Le attività produttive sono localizzate nel bacino di Kutei, nell’East Kalimantan e sono associate principalmente al giacimento Jangkrik, nell’area contrattuale Muara Bakau, che fornisce una produzione di oltre 650 milioni di piedi cubi di gas, vale a dire circa 18 milioni di metri cubi di gas, al giorno. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.