Descalzi, Zohr cambia la prospettiva energetica del Mediterraneo

L'ad di Eni, "siamo sempre stati abituati ad avere il gas che viene dal nord verso sud..."

Descalzi, Zohr cambia la prospettiva energetica del Mediterraneo
CREDITFILIPPO MONTEFORTE / AFP 
Cladio Descalzi (Afp) 

"Zohr è veramente qualcosa di meraviglioso, anche come riserve. E non c'è solo Zohr: abbiamo scoperto nello stesso momento un giacimento che sta producendo più di Zohr e un altro ancora". E' quanto afferma l'ad di Eni, Claudio Descalzi. "Quindi l'Egitto - spiega - ha sicuramente la possibilità di soddisfare ampiamente le sue necessità e di diventare un paese che può esportare molto. E la prossimità è quella italiana. L'Italia - aggiunge - è un 'bridge' naturale e fisico, perché ci sono dei pipe, verso l'Europa del Nord. Noi siamo sempre stati abituati ad avere il gas che viene dal nord verso sud, e adesso l'Europa del sud e il Mediterraneo potranno rappresentare molto dal punto di vista energetico. Per l'Italia ma soprattutto per l'Europa, e l'Italia potrà giocare un ruolo strategico in questo". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it