La sindrome cinese che fa volare le borse europee

Giornata molto positiva per tutte le piazze finanziarie del Vecchio Continente che, sulla scia dell'entusiasmo proveniente dalla Cina, macinano guadagni. Alla base di tutto c'è la mossa di ieri della Banca centrale cinese che ha deciso di tagliare i requisiti delle riserve per le banche, liberando così circa 114 miliardi di dollari per sostenere il credito e spronare l'economia

effetto cina Borse europee

Le Borse europee stanno brindando al nuovo anno. Giornata molto positiva per tutte le piazze finanziarie del Vecchio Continente che, sulla scia dell'entusiasmo proveniente dalla Cina, macinano guadagni. Alla base di tutto c'è la mossa di ieri della Banca centrale cinese che ha deciso di tagliare i requisiti delle riserve per le banche, liberando così circa 114 miliardi di dollari per sostenere il credito e spronare l'economia.

La People Bank of China infatti allenterà il coefficiente di riserva (RRR) dal prossimo 6 gennaio di 50 punti base, riducendo l'ammontare di liquidità che le banche devono detenere. Abbassando tale indice vengono liberate risorse per il credito alle piccole e medie imprese. La banca centrale nel 2019 è già intervenuta tre volte per ridurre il coefficiente e sostenere l'economia cinese che, lo scorso anno, è cresciuta al tasso più lento degli ultimi tre decenni.

L'intervento è stato preso bene dagli investitori che hanno giudicato positivamente anche il dato sull'attivitaà manifatturiera cinese che si conferma in espansione. L'indice Pmi, elaborato da Markit/Caixin, si è attestato a 51,5 punti a dicembre, in leggero calo rispetto ai 51,8 punti di novembre e dai 51,7 di ottobre, ma sopra la soglia dei 50 punti, linea di confine tra fase di contrazione e di espansione. Tutto questo ha dato sprint alle borse con Shanghai che ha segnato un +1,15% e Shenzhen un +2%. In scia Francoforte sale dello 0,68%, Londra dello 0,91%, Madrid dell'1,18%, Parigi dell'1,02%, Milano dell'1,3%. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it