Il codice unico anti-evasione per i furbetti delle case vacanza

L’obiettivo del governo è quello di contrastare l'evasione che caratterizza il settore e stanare chi non paga le tasse. La misura è contenuta all'interno di un emendamento al decreto crescita

codice unico case vacanza
 MARKUS MAINKA / PICTURE ALLIANCE / DPA PICTURE-ALLIANCE

È in arrivo un codice unico anti-evasione per i furbetti delle case vacanza. Il giro di vite del governo gialloverde consiste in un emendamento al decreto crescita che introduce l’obbligo di un codice unico identificativo per ogni struttura ricettiva, comprese le case vacanze da inserire in una banca dati. L’obiettivo è quello di contrastare il mare di nero che caratterizza il settore e stanare chi non paga le tasse (cedolare secca al 21% e imposta di soggiorno).

La modifica, riporta il Sole24Ore, introduce innanzitutto l’obbligo di un codice unico per identificare tutte le strutture ricettive, comprese le case vacanze, che sarà inserito in una banca dati da attivare presso il ministero del Turismo e delle Politiche agricole (un decreto attuativo entro 30 giorni dovrà definire le modalità). 

Una banca dati questa a cui potrà accedere anche l’Agenzia delle Entrate. I proprietari delle strutture, ma anche chi fa da intermediario, comprese le piattaforme online come Airbnb che non pubblicheranno il codice di identificazione già utilizzato da alcune Regioni come la Lombardia e la Toscana, rischiano una multa da 500 a 5000 euro.

Secondo quanto si legge sul Messaggero, se la società che fa intermediazione immobiliare tramite un portale telematico non nomina un rappresentante fiscale, la norma prevede che “ai fini degli obblighi di versamento delle imposte sui contratti di breve durata” viene sancita “la responsabilità in solido, sotto il profilo fiscale, del soggetto residente nel territorio italiano facente parte dello stesso gruppo”.

Insomma per i grandi intermediari del web sarà più difficile sottrarsi al fisco tricolore. Il governo per il momento non prevede comunque un aumento delle entrate. Nella relazione tecnica del provvedimento si afferma infatti che “in via prudenziale non si ascrivono effetti sul gettito”. 

Per contrastare l’evasione della tassa di soggiorno, i comuni potranno poi verificare le presenze attraverso le informazioni che chi affitta una casa è obbligato a comunicare alla pubblica sicurezza. Questi dati saranno messi a disposizione dei comuni che hanno istituito l’imposta di soggiorno in forma anonima e aggregata attraverso l’Agenzia delle entrate. L’obiettivo del governo, sottolinea Massimo Bitonci, sottosegretario al ministero dell’Economia, è porre “un freno all’evasione sugli affitti brevi”.

Divisi però gli operatori. La Federalberghi e i grandi gruppi che gestiscono le case in affitto si sono subito schierati a favore delle novità e in particolare del codice identificativo. L’idea infatti è che favorirà l’emersione del nero e consentirà verifiche rapide e veloci su chi affitta illegalmente. Perplessa invece la Confedilizia, l’associazione dei proprietari di case. “Dato che in Italia non esiste la categoria degli “immobili destinati alle locazioni brevi”, la norma impone di fatto un ennesimo adempimento a carico di circa 32 milioni di abitazioni”, afferma il presidente dell’organizzazione, Giorgio Spaziani Testa.

In base a come è scritta la norma, sostiene Confedilizia, tutti i proprietari di immobili in Italia dovrebbero dotarsi di un codice identificativo. “Poiché non riteniamo che il governo abbia queste intenzioni, auspichiamo che possa rimettere mano al testo presentato”. Solo poco più di un terzo delle abitazioni possedute dagli italiani sono infatti seconde case e solo una piccola quota di questa fetta viene usata per affittarla per brevi periodi.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it