Cgia, con la crisi persi 21,5 mld, persi 200.000 negozi

Cgia crisi consumi
 Mico Toniolo/Errebi/Agf
Associazione Artigiani e Piccola Impresa CGIA Mestre

Rispetto al 2007, anno pre-crisi, le famiglie italiane hanno "tagliato" i consumi per un importo pari a 21,5 miliardi di euro e quasi 200.000 negozi di vicinato hanno chiuso i battenti. Il dato emerge da uno studio della Cgia secondo cui l'anno scorso, la spesa complessiva dei nuclei familiari del nostro Paese è stata pari a poco piu' di 1.000 miliardi di euro. Nonostante la contrazione, questa voce continua comunque ad essere la componente più importante del Pil nazionale (pari al 60,3 per cento del totale).
Il Sud è stato la ripartizione geografica che ha registrato la riduzione più importante. Dal 2007 al 2018 le famiglie meridionali hanno "tagliato" la spesa mensile media di 131 euro (mediamente di 1.572 euro all'anno), quelle del Nord di 78 euro (936 euro all'anno) e quelle del Centro di 31 euro (372 euro all'anno).

A pagare il conto sono stati anche gli artigiani e i piccoli negozianti, afferma il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo. "I piccoli negozi e le botteghe artigiane", osserva, "faticano a lasciarsi alle spalle la crisi. Queste imprese vivono quasi esclusivamente dei consumi delle famiglie e, sebbene negli ultimi anni ci sia stata una leggerissima ripresa, i benefici di questa inversione di tendenza non si sentono. Dal 2007, anno pre-crisi, al 2018 il valore delle vendite al dettaglio nei negozi di vicinato è crollato del 14,5 per cento, nella grande distribuzione, invece, è salito del 6,4 per cento. Questo trend è proseguito anche nei primi 9 mesi del 2019: mentre nei supermercati, nei discount e nei grandi magazzini le vendite sono aumentate dell'1,2 per cento, nelle botteghe e nei negozi sotto casa la contrazione e' stata dello 0,5 per cento".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it