Settemila piante di marijuana sono state sequestrate a Gioia Tauro

Settemila piante di marijuana sono state sequestrate a Gioia Tauro

La "scoperta" dei carabinieri in un vecchio frantoio riconvertito in un enorme essiccatoio industriale: gli arbusti erano sospesi a centinaia di fili attaccati a intelaiature in ferro. Avrebbero fruttato oltre 3 milioni di euro.

droga sequestrate settemila piante marijuana gioia tauro

  Marijuana Cannabis pianta piantagione

AGI - Settemila piante di marijuana sono state sequestrate nella Piana di Gioia Tauro dai Carabinieri. Durante rastrellamenti di routine in contrada Torre Lo Schiavo, una impervia area rurale del comune di Taurianova, i militari dell'Arma hanno sentito un forte odore di marijuana che proveniva da un vecchio frantoio in disuso.

Entrati nell'edificio hanno scoperto che il grande capannone era stato "riconvertito" in un enorme essiccatoio industriale, con centinaia di fili di spago attaccati a delle intelaiature in ferro poste sulle pareti, in modo da creare una distesa di piante sospese e distanziate tra di loro, per consentirne l’essiccazione mediante dei grandi ventilatori alimentati da un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.

Le circa 7 mila piante di altezza variabile tra mezzo metro e un metro corrispondono ad oltre 350 chili di sostanza stupefacente: una volta venduta al dettaglio, avrebbe fruttato alla criminalità oltre 3 milioni di euro. 

La sostanza stupefacente sarà ora consegnata al Ris di Messina per le analisi tossicologiche del caso. Proseguono le indagini per individuare le piazzole dove le piante sono state fatte crescere prima di essere trasportate all'interno del capannone.