Il re della Thailandia si è isolato in Baviera con 20 concubine del suo harem

Il re della Thailandia si è isolato in Baviera con 20 concubine del suo harem

Il monarca, noto per la sua eccentricità, ha prenotato l'intero Grand Hotel Sonnenbichl nella località sciistica Garmisch-Partenkirchen. I suoi sudditi protestano sui social

coronavirus re thailandia isolato baviera concubine

© AFP - Il re della Thailandia, Maha Vajiralongkorn, durante la sua incoronazione a Bangkok nel dicembre 2019

Il re della Thailandia, Maha Vajiralongkorn, si è "auto-isolato" nel lussuoso albergo in montagna in Baviera dove suole trascorrere gran parte del suo tempo; ed è con lui con tutto il suo entourage, comprese 20 concubine per la compagnia. Questa quarantena dorata, di cui danno ampio conto i media internazionali, ha innescato le ire della popolazione thailandese che si è scatenata in critiche sui social. 

Secondo le cronache tedesche, il re, noto anche come Rama X, ha prenotato l'intero Grand Hotel Sonnenbichl nella località sciistica Garmisch-Partenkirchen, lo stesso dove trascorre lunghi mesi lontano dalla patria. Con lui ovviamente anche per gli accompagnatori, tra i quali le venti giovani donne dell'harem. L'albergo ha ricevuto un "permesso speciale" dal consiglio distrettuale per accogliere il gruppo. Sembra tuttavia che 119 membri dell'entourage siano stati rimandati in Thailandia con il sospetto che potrebbero avere il Covid-19.

Il monarca è sempre stato un tipo eccentrico: proprio in Germania, negli anni scorsi è stato fotografato con una striminzita maglietta-top, i jeans e il corpo ricoperto di tatuaggi. Leggendaria la passione per il suo barboncino, Foo Foo: il re lo faceva partecipare a feste e ai ricevimenti, vestito in abito da sera, con tanto di guanti per le zampe.

Foo Foo era adorato tanto che spuntò anche il video della sua festa di compleanno, con la moglie dell'epoca, un'ex cameriera, Srirasmi, in topless sul pavimento che gli cantava Happy Birtday e mangiava dalla stessa ciotola del cane. Quando il cane morì, re gli fece un funerale andato avanti per quattro giorni, con tanto di riti buddisti.