agi live
Lollo dal "fascino eterno", l'abbraccio della politica 

Lollo dal "fascino eterno", l'abbraccio della politica 

Il ministero della Cultura dedicherà un premio a Gina Lollobrigida, l'attrice scomparsa oggi a 95 anni. Sangiuliano: "Grandissima protagonista del cinema italiano". La Russa: "Ha fatto molto per l'Italia". Il ministero della Cultura annuncia un premio per rendere omaggio alla Bersagliera

lollobrigida ricordo politica bersagliera premio 

© Maria Laura Antonelli / AGF 
- Gina Lollobrigida in auto nel giorno dei festeggiamenti del suo 90esimo compleanno  

AGI - “Diva del grande schermo”, “grandissima protagonista del cinema italiano”, una donna “dal fascino eterno”: anche il mondo della politica ‘abbraccia’ Gina Lollobrigida scomparsa oggi a 95 anni. E si mobilita per omaggiare l’indimenticata Bersagliera con un premio che sarà istituito dal ministero della Cultura.  Tutti insieme, politici e istituzioni, si stringono alla Lollo nazionale, una della icone del “Made in Italy” dello spettacolo.

Star a Hollywood, certo, ma anche Diva in patria. Intanto a Subiaco, paese laziale dove è nata la celebre attrice, è stato proclamato il lutto cittadino per il giorno dei funerali. Cinema e non solo. L'attrice dalle molte vite viene ricordata anche come scultrice, lontana dal red carpet, con la polvere bianca del marmo ancora sui vestiti. 

"Addio a una diva del grande schermo, protagonista di oltre mezzo secolo di storia del cinema italiano. Il suo fascino resterà eterno. Ciao Lollo",  scrive su Twitter il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, postando una foto della diva in bianco e nero.

Per il presidente del Senato, Ignazio La Russa “se ne va una grandissima protagonista del cinema italiano, attrice amata e apprezzata in tutto il mondo, a cominciare da quella Hollywood che nel 2018 le dedicò una stella sulla Walk of Fame di Los Angeles. Nella sua lunghissima carriera 'La Bersagliera' ha lavorato con attori e registi di fama internazionale. 'Chi non fa niente invecchia prima', disse in occasione del suo ottantottesimo compleanno. E così è stato. Gina Lollobrigida non si è mai fermata facendo molto per il nostro cinema e per l’Italia”.

L’ultimo compleanno, il 95esimo, è stato festeggiato lontano dagli sfarzi di cinque anni prima (red carpet nella Roma da bere per i 90 anni) a Subiaco, il Paese di origine dove Gina Lollobrigida  - da semplice studentessa di Belle arti - iniziò a sognare quella vita da grande attrice che poi si materializzò tra Cinecittà e gli Stati Uniti.

“La Lollo Nazionale - è il ricordo del Comune di Subiaco - era stata la vera regina nell’estate dello scorso anno, precisamente il 4 luglio, in occasione del suo compleanno, quando fu insignita della consegna delle chiavi cittadine. L’evento si è tenuto presso il Teatro cittadino Narzio che ne ospitò il debutto, in occasione dell’istituzione del Premio Cinematografico Nazionale che porta il suo nome, progetto nato insieme alla Pro Loco di Subiaco”.

L’attrice  “è diventata così cittadina onoraria di Subiaco, un gesto importante per sottolineare non soltanto la carriera artistica ma che è voluto anche essere un ringraziamento ad un’icona del cinema italiano per aver fatto conoscere il nome della nostra Città in tutto il mondo.
In questo giorno in cui ne salutiamo la scomparsa allora Subiaco desidera sottolineare il profondo legame che sempre avrà con la regina del cinema italiano, un legame fatto di affetto e di profondo orgoglio". 

>

Anche il Comune di Pietrasanta  - in Versiglia  - abbraccia la Bersagliera sua cittadina onoraria. Qui negli anni Novanta la diva si dedicò all’attività di scultrice in una delle sue tante vite fuori dalle scene (fu anche pittrice e fotografa).  

“Porteremo sempre nel cuore l'immagine di Gina Lollobrigida vestita con la sua cappa imbiancata dalla polvere di marmo ma con trucco e acconciatura impeccabili, da vera diva quale era”: è il ricordo del sindaco Alberto Stefano Giovannetti.    “Di Pietrasanta –  ha sempre apprezzato la tranquillità, la discrezione e quel desiderio di ‘fare bene arte’ che porta qui grandi artisti da tutto il mondo, per lavorare. Lei stessa si era trasferita in città, alla fine degli anni Novanta, per dedicarsi all'attività di scultrice”.

La scomparsa di Gina Lollobrigida "lascia un vuoto incolmabile. Subito al lavoro  - annuncia il sottosegretario per la Cultura Lucia Borgonzoni - per realizzare una serie di iniziative che rendano omaggio a un'artista straordinaria, amata ed apprezzata in tutto il mondo. Il Ministero della Cultura istituirà un premio alla sua memoria".