La prima del Boris Godunov alla Scala. Mattarella: "La cultura russa non si cancella"

La prima del Boris Godunov alla Scala. Mattarella: "La cultura russa non si cancella"

Tredici minuti di applausi per l'opera di Musorgskij. Il presidente della Repubblica accolto da un'ovazione. Meloni: "Separare la cultura dalla politica russa". Sul palco reale anche la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen.  Contestazione degli ambientalisti : vernice sulla facciata del teatro, 5 fermi

prima scala boris godunov

© Quirinale - Il Palco Reale della Scala

AGI - Proteste ambientaliste e contestazioni della comunità ucraina hanno preceduto la prima del Boris Godunov, capolavoro del compositore russo Modest Petrovič Musorgskij, al Teatro alla Scala di Milano. Cinque dimostranti sono stati fermati per aver imbrattato di vernice la facciata dell'edificio.

Sia le figure istituzionali presenti che il sovrintendente della Scala, Dominique Meyer, trovano però inconcepibile che aprire la stagione con un'opera russa possa essere interpretato come un appoggio all'attuale politica del Cremlino.

"La cultura russa non si cancella, è europea", ha sottolineato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accolto da un'ovazione. Con lui, sul palco reale, il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, "incuriosita per la nuova e bella esperienza", il presidente del Senato, Ignazio La Russa, e la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. . "Come è noto io ho una posizione estremamente chiara sul tema dell'invasione dell'Ucraina", ha affermato la premier, fasciata in un abito nero di Armani, "però noi non ce l'abbiamo con il popolo russo, con la storia russa con la cultura russa, noi ce l'abbiamo con la scelta politica. E i due piani vanno tenuti distanti altrimenti facciamo molta confusione". Il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha ricordato da parte sua che "Boris Godunov racconta la storia di uno zar che alla fine cade vittima dei rimorsi per le sue azioni".

È anche la 'prima' senza restrizioni Covid, pochissimi gli spettatori che indossano la mascherina. Rinascita sia, allora ma senza colori. Stravince il nero degli abiti, eleganza sobria alla milanese. Percorrono il tappeto rosso del Piermarini prima di godersi lo spettacolo, tra gli altri, Fabrizio Gifuni, Stefano Accorsi, Alessandra Mastronardi, Corrado Augias, Alessandro Baricco, Fedele Confalonieri e la senatrice Liliana Segre.

  • 21:52

    Meloni: è stata un'opera avvincente

     "E' stata un'opera avvincente, non era facile lasciare le persone incollate". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, lasciando il Teatro alla Scala dopo aver assistito al Boris Godunov che inaugura la stagione 2022-2023.  "Vediamo", ha poi risposto Meloni a chi gli chiedeva se tornerà l'anno prossimo per la Prima della stagione 2023-2024. 

  • 21:37

    Tredici minuti di applausi per il Boris Godunov

    Tredici minuti di applausi per Boris Godunov di Modest Musorgskij, diretto dal Maestro Riccardo Chailly con la regia di Kasper Holten, che questa sera ha inaugurato la stagione del Teatro alla Scala di Milano. Un successo, non scontato per un'opera nella sua versione più "aspra, cupa" e difficile. Il pubblico scaligero ha apprezzato tutto il cast, in particolare il basso Ildar Abdrazakov, al suo settimo 7 dicembre.

  • 20:33

    Chailly a Mattarella: "Avverato l'auspicio, è tornato"

     "L'Auspicio dello scorso anno si è realizzato. E' tornato a Milano, alla Scala che lo ha accolto con il calore di sempre". Il maestro Riccardo Chailly si è rivolto così al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che durante l'intervallo della Prima del Boris Godunov, è andato a salutarlo in camerino. Come si rocorda l'anno scorso, il Capo dello Stato, alla Serata inaugurale della stagione, era stato salutato con grande affetto dal pubblico che gi aveva tributato 6 minuti di applausi e chiesto il "bis" alla guida del Paese.

  • 20:15

    Per Meloni selfie con un sostenitore: "Sei la migliore"

    Il presidente del consiglio Giorgia Meloni che questa sera sta assistendo alla prima della stagione del Teatro alla Scala di Milano è stata accolta calorosamente da alcuni sostenitori che l'attendevano all'esterno del palco reale, dove stava rientrando al termine dell'intervallo. Uno di loro l'ha avvicinata per chiederle un selfie, al quale Meloni non si è sottratta. E prima che andasse via l'ha salutata urlando "sei la migliore presidente del mondo".

  • 20:09

    Meloni: l'opera mi sta piacendo ma ne parliamo alla fine

     "L'opera mi sta piacendo ma ne parliamo alla fine". Il presidente del consiglio Giorgia Meloni, durante l'intervallo del Boris Godunov, al Teatro alla Scala di Milano, commenta così l'opera russa che inaugura la stagione.

  • 19:43

    Mattarella: l'opera mi è piaciuta moltissimo

    L'opera che questa sera inaugura la prima della stagione del Teatro alla Scala di Milano, il 'Boris Godunov' "mi è piaciuta moltissimo". È il primo commento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ai giornalisti, nell'intervallo dell'opera russa di Musorgskij. - "Un'opera di un fascino irresistibile, coinvolgente al massimo", ha aggiunto.

    Mattarella: l'opera mi è piaciuta moltissimo
  • 19:38

    Mattarella incontra Chailly nell'intervallo

    Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'intervallo dell'opera inaugurale del Teatro alla Scala, si è recato a salutare il maestro Riccardo Chailly e gli artisti, nei camerini. Insieme a lui c'erano la figlia Laura, il sindaco di Milano Beppe Sala con la compagna Chiara Bazoli e il sovrintendente Dominique Meyer. Questa, del saluto al maestro, è una consuetudine per il Capo dello Stato, amante dell'opera e affezionato scaligero.

  • 19:12

    Conte vede la prima con i percettori del reddito di cittadinanza

    Dopo l'incontro con i percettori del reddito di cittadinanza, il leader del M5s, Giuseppe Conte, a Milano, ha seguito con loro e con altre famiglie in condizioni di difficoltà economica la prima alla Scala nella sala dell'Opera Cardinal Ferrari, struttura che dal 1921 assiste le persone indigenti, dai senzatetto a chi non riesce a fare la spesa. "Non sono mai riuscito ad andare alla prima della Scala nonostante gli inviti quando ero premier, ma sono contento ora di guardarla qui con voi", ha detto Conte a inizio proiezione.

  • 18:53

    Von der Leyen: "Lo stilista del mio abito? Non saprei"

    Un abito lungo, come la tradizione della Prima scaligera richiede, blu notte, con un corpetto tempestato di paillettes, e la gonna leggera in seta. È la mise scelta dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che questa sera assiste alla Prima del Teatro alla Scala di Milano, dove sta andando in scena l'opera russa Boris Godunov. Alla richiesta dei cronisti, di chi fosse lo stilista che firmava il suo abito, la presidente è scoppiata in una risata divertita, ammettendo di non saperlo, di non ricordarlo. Una risposta che forse non avremmo mai avuto dalle signore modaiole milanesi. E in effetti - si dice comunque tra gli addetti e i giornalisti - non è poi così importante chi fosse lo stilista, quell'abito a Von der Leyen stava benissimo. 

    Von der Leyen: "Lo stilista del mio abito? Non saprei"
  • 18:50

    Meyer: presentiamo un capolavoro, non è appoggio alla politica russa

     "Non ci sono state tante polemiche a parte quelle del console ucraino. Presentiamo un capolavoro della storia dell'arte. Non significa che sia un appoggio alla politica russa. Sono delle cose diverse". Lo ha affermato il sovrintendente e direttore artistico del Teatro alla Scala, Dominique Meyer, all'arrivo al Teatro alla Scala per la Prima dell'opera "Boris Godunov" che inaugura la stagione 2022/2023.

  • 18:37

    Sangiuliano: distinguere l'arte dalla politica

    "Credo che l'arte vada sempre distinta dalla politica, altrimenti non dovremmo leggere Dostoevskij. Anche se l'Ucraina ha le sue ragioni storiche e io le ho sempre affermate, ho incontrato di recente il ministro della Cultura ucraina per riaffermare la nostra solidarietà e vicinanza". A dirlo eè il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, al suo arrivo alla Prima della Scala, sulle polemiche per la scelta di aprire la stagione con un'opera russa, Boris Godunov. "Questa deve essere una occasione soprattutto di cultura. E cultura significa crescita morale e civile per le persone. Il nostro futuro si migliora se noi miglioriamo la nostra cultura", ha aggiunto il ministro. Mentre sul fatto che Boris Godunov racconta la storia di uno zar che alla fine cade vittima dei rimorsi per le sue azioni, Sangiuliano risponde: "La tirannia è sempre qualcosa che dobbiamo avversare".

    Sangiuliano: distinguere l'arte dalla politica
  • 18:35

    Fontana: la cultura non dovrebbe essere coinvolta nelle polemiche

    "La cultura non dovrebbe essere coinvolta in questo genere di polemiche. Dovremmo stabilire se ci piace, se è stata ben allestita e musicata. L'opera finisce con la caduta del tiranno, dovrebbe essere letta positivamente con l'augurio che succeda la stessa cosa nella realtà". A dirlo è il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, al suo arrivo alla Prima della Scala, parlando delle polemiche per la rapprensentazione dell'opera russa Boris Godunov. "Secondo me la cultura non deve entrare a fare parte di queste polemiche, credo che sarà un bellissimo spettacolo", aggiunge il presidente della Lombardia. "Fa molto piacere che questa sera ci sia il presidente Mattarella e le presidenti Meloni e von der Leyen, presenze che rappresentano la centralità di questa nostra regione e città che evidentemente riescono a smuovere simili personalita'", ha concluso Fontana. 

  • 18:19

    Ovazione per Mattarella: "Grazie presidente"

    Tutto il pubblico del Teatro ala Scala di Milano in piedi, in platea, nei palchi, fino al loggione. L'omaggio è per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al suo ingresso nel palco Reale, accompagnato dalla figlia Laura. Molte le voci che si sono levate dalla sala, per dire "grazie presidente". Accanto al Capo dello Stato, il premier Giorgia Meloni, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, e il presidente del Senato Ignazio La Russa. Tutti salutati calorosamente dal pubblico scaligero.

  • 18:16

    Meloni e La Russa cantano l'inno di Mameli

    La premier Giorgia Meloni e il presidente del Senato Ignazio La Russa hanno cantato l'inno di Mameli che ha aperto la serata scaligera. 

    Meloni e La Russa cantano l'inno di Mameli
  • 18:15

    Applausi per il maestro Chailly, al via la serata inaugurale

    Sulle note dell'inno italiano, seguito da quello europeo, è cominciata la serata inaugurale della stagione 2022/2023 del Piermarini, dove va in scena l'opera russa 'Boris Godunov', alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, della premier Giorgia Meloni e della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Applausi per il maestro Riccardo Chailly e l'orchestra scaligera

  • 18:09

    Sala: sul palco reale due delle sette donne più potenti del mondo

    "Sul palco reale ci saranno due delle sette donne più potenti del mondo. Non credo si parlerà di politica, almeno lo spero". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, citando la classifica di Forbes che posiziona la presidente della commissione europea, Ursula Von der Leyen, al primo posto e il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, al settimo. "Penso che sia giusto, questi momenti sono anche quelli in cui chi ha bisogno di farsi sentire lo deve fare. Rispetto agli ucraini credo che Milano sia stata molto generosa e attenta e non reputo giusta la loro richiesta di cancellare l'opera. I sindacati e chi protesta per il caro vita ha la mia solidarietà. Quello che si può fare lo faremo", ha aggiunto Sala.

    Sala: sul palco reale due delle sette donne più potenti del mondo

     

  • 18:06

    Meloni: le polemiche sull'opera russa non hanno senso

    "Conosce la mia posizione in tema di conflitto in Ucraina, ma penso che la cultura sia un'altra cosa e penso che non bisogna fare l'errore di mescolare dimensioni che sono diverse". L'ha dichiarato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, al suo arrivo alla Prima della Scala, rispondendo a chi le chiedeva delle polemiche per la rappresentazione di un'opera russa. "Noi non ce l'abbiamo col popolo russo, con la storia russa, noi ce l'abbiamo con le scelte di chi politicamente ha deciso di invadere una nazione sovrana. È una cosa diversa. Secondo me, è giusto mantenere le due dimensioni separate".  Aver scelto di aprire la stagione del Teatro alla Scala con un'opera russa "è una polemica che non ha senso", ha aggiunto. 

  • 18:01

    Meloni sceglie un abito nero di paillettes di Armani

    Il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha scelto di indossare un abito nero di paillettes per la prima della Scala di Milano. È firmato da Armani.  "L'abito? Spero sia all'altezza delle aspettative", ha scherzato il premier con i cronisti.

    Meloni sceglie un abito nero di paillettes di Armani
    © Annalisa Cretella / AGI
    Giorgia Meloni
  • 17:57

    Meyer: tragico che contestatori non capiscano che la cultura è a favore del verde

    "È una tragedia che questa gente non capisca che il mondo della cultura è a favore del verde, anche qui in teatro abbiamo un piano Green". Lo ha detto il sovrintendente del Teatro alla Scala, Dominique Meyer, prima dell'inizio della serata inaugurale della stagione, in riferimento alla protesta avvenuta oggi da parte di alcuni contestatori di "Ultima generazione" che hanno imbrattato con della vernice l'ingresso del teatro. 

  • 17:55

    Presente anche la senatrice Liliana Segre

    Come da tradizione, la senatrice a vita Liliana Segre è presente alla prima della Scala. 'Avvistati' anche nel foyer, dove quest'anno manca l'albero di Natale, il conduttore televisivo Bruno Vespa e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri.

  • 17:53

    Von der Leyen: "Dobbiamo onorare la cultura e non permettere a Putin di distruggerla"

    La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è arrivata alla Scala per assistere alla prima dell'opera russa Boris Godunov. Ad accoglierla il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il presidente della Regione Attilio Fontana. "Dobbiamo onorare la cultura e non permettere a Putin di distruggerla", ha detto Von der Leyen, " mi piace ogni buona opera, questo compositore è un fenomeno".

  • 17:45

    Meyer: le parole di Sgarbi mi fanno pena

    "Io non faccio commenti su questo, io sono in Italia da 30 anni e la prima volta che sono venuto alla Scala era il 1980. Non mi sono mai sentito uno straniero. E mi sento a casa laddove si fa cultura. Per la prima volta ho sentito questa parola dura, 'straniero', mi ha fatto pena. Io sono stato accolto qui sempre molto bene da 35 anni. Sono presidente di varie giurie e sono sempre stato accolto a braccia aperte. Mi fa pena essere considerato adesso come un cattivo straniero che non sa fare il suo lavoro. Sono 32 stagioni che dirigo l'Opera di Parigi, l'Opera di Vienna e adesso la Scala. Ho rispetto per questa persona che non conosco ma che credo non conosca il mio lavoro". Lo ha affermato il sovrintendente e direttore artistico del Teatro alla Scala, Dominique Meyer, all'arrivo al Piermarini per la Prima dell'opera Boris Godunov interpellato sulle parole del sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi.

  • 17:43

    Meloni arriva alla Scala: "Sono incuriosita, è la mia prima volta"

    La premier Giorgia Meloni è arrivata alla Scala per assistere alla 'prima'. "Sono incuriosita. È la mia prima volta. sicuramente una Prima è una bella esperienza nuova", ha detto il presidente del Consiglio all'arrivo al Teatro alla Scala per la Prima. 

    Meloni arriva alla Scala: "Sono incuriosita, è la mia prima volta"
    © Rossella Papetti/ AGF
    Giorgia Meloni con il compagno Andrea Giambruno

     

  • 17:42

    La comunità ucraina protesta contro l'opera russa

    Protesta della comunità ucraina di Milano in piazza della Scala per la Prima della stagione 2022/2023 del Teatro Piermarini. "La Scala non favorisca la propaganda di Putin", dicono i manifestanti, una ventina, contestando la scelta dell'opera, il 'Boris Godunov' di Modest Petrovic Musorgskij. "È un solista del regime russo" si legge in un manifesto in riferimento al protagonista, il basso russo Ildar Abdrazakov.