Una tempesta ha devastato le spiagge delle Marche

Colpite Ancona e Pesaro, ma anche Numana e Sirolo. Paura per una nave in costruzione che ha rotto gli ormeggi

tempesta spiagge romagna marche

L'inferno di pioggia e vento che si è abbattuto sulla costa marchigiana mette a repentaglio l'estate 2019. Spiagge devastate, strade bloccate, alberi caduti, allagamenti nel bollettino battuto dal Corriere Adriatico che dà anche conto di una vittima: un uomo stroncato da un infarto durante la tempesta.

Dopo giorni di caldo opprimente e di temperature record, Ancona e Vallesina, ma anche Pesaro e la costa fanese e con le spiagge di Numana e Sirolo sono state devastate dal maltempo.  Secondo 3bmeteo le raffiche di vento hanno raggiunto i 150 km /h. Una nave da crociera in costruzione di oltre 200 metri, la Seven Seas Splendor, ha rotto gli ormeggi a causa delle forti raffiche di vento che hanno sferzato il porto di Ancona, riporta il Corriere della Sera. La prua della nave si è scostata dalla banchina di allestimento della Fincantieri, al molo foraneo e l'intervento di un rimorchiatore dei servizi portuali è stato decisivo per fermare la nave e sospingerla verso la banchina.

Il maltempo è tornato a colpire per il secondo giorno consecutivo, con un allerta meteo della protezione civile per temporali e criticità idrogeologica valido almeno fino alla mezzanotte di mercoledì, anche se la fase critica dovrebbe essere passata. Intorno a Jesi si sono registrati diversi incidenti stradali, le strade sono allagate e ostruite da alberi spezzati dalla furia del vento.

Anche in provincia di Pesaro-Urbino, il maltempo ha interessato soprattutto il litorale: nella città capoluogo si sono registrati anche diversi black-out elettrici e alcune auto sono state pesantemente danneggiate dalla violenza del vento e dalla grandine.

Danni gravi anche a Fano e Gabicce Mare e disagi significativi alla viabilità delle zone interne, soprattutto per la presenza di rami lungo le strade. Sempre il vento ha divelto un albero nei pressi della superstrada Ascoli Mare: è finito all'interno delle corsie, senza causare danni alla auto, ma bloccando a lungo il traffico.

Panico tra i turisti sulle spiagge di San Benedetto del Tronto e Grottammare, dove sono volati ombrelloni, lettini e suppellettili. Nel Fermano, tre persone sono state ferite: erano all'interno di due vetture che, a Porto Sant'Elpidio e a Campofilone, sono state schiacchiate da due alberi di grandi dimensioni.

A Montegranaro, invece, eèstato scoperchiato il tetto di uno stabilimento artigianale e dell'ex mattatoio. Disagi per una tromba d'aria nel Maceratese, dove si sono registrati significativi disagi alla viabilità, sia lungo la costa che nell'entroterra, con decine di chiamate ai vigili del fuoco e alle polizie municipali. 

L'ondata di maltempo non risparmia la Romagna flagellata da trombe d'aria e grandine. In particolare nel Riminese e in alcune zone del Cesenate centinaia di auto sono state 'bombardate' da chicchi grandi come noci. In molte zone costiere sono caduti diversi pini secolari danneggiando molte auto in sosta.

Alcuni filmati ritraenti trombe d'aria sul mare hanno fatto il giro del web: se ne sono registrate un paio nel Ravennate e una nel Riminese. In Abruzzo, a Pescara, come già accaduto a marzo, si è ripetuto lo 'spettacolo' dei nuvoloni neri: il fenomeno, noto come 'shelfcloud' ha fatto puntare in alto nuovamente fotocamere e smartphone.

A Roseto degli Abruzzi una tromba d'aria si è abbattuta sulla spiaggia spazzando via lettini e danneggiando qualche ombrellone. Secondo ilmeteo.it masse d'aria più fresche e instabili colpiranno ulteriormente gran parte del centro e nord Italia nelle prossime ore. Le temperature potranno scendere di ulteriori 7-8 gradi.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it