Scuola, le cose da sapere sulle iscrizioni online

L'iscrizione deve essere fatta per tutti gli alunni che il prossimo anno scolastico devono frequentare la prima classe della scuola primaria e della secondaria di I e II grado. C'è tempo fino al 31 gennaio

Scuola, le cose da sapere sulle iscrizioni online

Al via le iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Da ieri mattina è aperta la procedura online per la scelta della scuola per il 2019-2020. Sarà possibile effettuare le iscrizioni per altri 24 giorni, il termine ultimo scadrà il 31 gennaio alle ore 20. L'iscrizione deve essere fatta per tutti gli alunni che il prossimo anno scolastico devono frequentare la prima classe della scuola primaria e della secondaria di I e II grado. Le iscrizioni online riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito).

Leggi anche: Verifica online qual è il liceo migliore nel tuo quartiere

Per le scuole dell'infanzia la procedura è cartacea. Mentre per le scuole paritarie resta sempre facoltativa l'adesione al sistema delle 'Iscrizioni online'. Nelle scorse settimane il ministero dell'Istruzione ha inviato alle scuole una circolare con tutte le indicazioni utili e le modalità da seguire per le famiglie che devono effettuare l'iscrizione dei propri figli. Per accedere alla procedura online i genitori devono aver effettuato la registrazione al portale www.iscrizioni.istruzione.it (disponibile già dal 27 dicembre scorso).

Chi ha un'identità digitale Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l'identità.

Gli strumenti per la scelta

Per l'iscrizione le famiglie dovranno innanzitutto individuare la scuola di interesse. A supporto hanno anche quest'anno il portale 'Scuola in Chiaro'. Il portale raccoglie i profili di tutti gli istituti e permette di avere anche le informazioni utili su ciascuna scuola: dall'organizzazione del curricolo all'organizzazione oraria, agli esiti degli studenti nei precedenti anni scolastici, ai risultati a distanza (università e mondo del lavoro).  La domanda di accesso non è uguale per tutte le tipologie di scuola. Le regole cambiano a seconda che l'iscrizione sia alla scuola dell'infanzia o alla media superiore di II grado. Ecco tutti i dettagli:

Infanzia 

La domanda resta cartacea e va presentata all'istituto prescelto. Possono essere iscritti alle scuole dell'infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2019. Hanno la precedenza rispetto agli altri. Possono poi essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2020. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l'iscrizione alla scuola dell'infanzia di bambini che compiono i tre anni di età successivamente al 30 aprile 2020. I genitori possono scegliere tra tempo normale (40 ore settimanali), ridotto (25 ore), oppure esteso fino a 50 ore.

Scuola primaria

Le iscrizioni si fanno online. I genitori possono iscrivere alla prima classe i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2019. Possono essere iscritti anche i bambini che compiono sei anni dopo il 31 dicembre 2019 e comunque entro il 30 aprile 2020. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l'iscrizione alla prima classe della primaria di bambini che compiono i sei anni successivamente al 30 aprile 2020. I genitori, al momento della compilazione delle domande online, esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell'orario settimanale che può essere di 24, 27, o fino a 30 ore, oppure 40 ore (tempo pieno).

Possono anche indicare, in subordine rispetto alla scuola che costituisce la loro prima scelta, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Il sistema online comunica di aver inoltrato la domanda di iscrizione verso le scuole indicate come seconda o terza opzione nel caso in cui non vi sia disponibilità di posti nella scuola di prima scelta.

Secondaria di I grado

All'atto dell'iscrizione online, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell'orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40 (tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, è possibile indicare fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Per l'iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l'apposita casella del modulo di domanda online. Le istituzioni scolastiche organizzeranno la prova orientativo-attitudinale in tempi utili per consentire ai genitori, nel caso di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova istanza di iscrizione, eventualmente anche a un'altra scuola.

Secondaria di II grado

Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori esprimono anche la scelta dell'indirizzo di studio, indicando anche l'eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. Oltre alla scuola di prima scelta e' possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. L'iscrizione alle prime classi dei Licei musicali e coreutici e' subordinata al superamento di una prova di verifica del possesso di specifiche competenze musicali o coreutiche. La prova è organizzata in tempi utili per consentire ai genitori, nel caso di mancato superamento della prova o di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova istanza di iscrizione, eventualmente anche a un'altra scuola.

Zone terremotate

Anche per l'anno scolastico 2019-2020 si prevedono interventi a favore degli studenti residenti nei comuni delle zone terremotate del Centro Italia (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria). È consentito per tutte le domande di iscrizione un tempo aggiuntivo per la scelta definitiva della scuola prescelta tra quelle indicate nella domanda. Per le iscrizioni alla scuola dell'infanzia è possibile anche indicare due istituzioni scolastiche anziché una. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.