Reclutavano ragazze in Nigeria e le sottoponevano a riti voodoo, 11 arresti

Le ragazze ridotte in schiavitù da una banda di connazionali. L'intervento dei carabinieri di Torino

nigeriane riti voodoo torino
foto mediamanager
  prostituzione

Reclutavano ragazze in Nigeria e le sottoponevano a riti voodoo, obbligandole una volta giunte in Italia a prostituirsi. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino hanno scoperto un'organizzazione criminale internazionale specializzata nel traffico di giovani donne nigeriane destinate alla prostituzione. In manette sono finite 11 persone, otto donne e tre uomini, tutte di nazionalità nigeriana.

L'accusa nei loro confronti è associazione per delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, riduzione in schiavitù, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione. Le ragazze venivano reclutate nel loro paese e sottoposte a un rito di magia voodoo.

Quindi, dopo un lungo viaggio dalla Nigeria alla Libia salpavano su gommoni diretti verso Lampedusa. Qui erano ospitate nei centri di accoglienza, per poi essere prelevate dall'organizzazione e portate a Torino, dove erano costrette a prostituirsi per ripagare il debito contratto per arrivare in Italia, pari a 25 mila euro.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.