Tre dosi al prezzo di due, gli sconti arrivano nel mercato della droga

Tre dosi al prezzo di due, gli sconti arrivano nel mercato della droga

Nel blitz dei carabinieri di Catania 26 persone indagate per traffico di stupefacenti. Arresti eseguiti nelle province di Catania, Messina, Palermo, Enna, Cosenza e Benevento

sconti mercato droga arresti catania

carabinieri scoperto deposito droga

AGI - In tempi di 'magra' anche il mercato degli stupefacenti adotta le sue 'promozioni'. L'hanno chiamata operazione "3x2" i carabinieri del comando provinciale l'operazione scattata all'alba nelle province di Catania, Messina, Palermo, Enna, Cosenza e Benevento.

Il nome del blitz da una particolare strategia messa in atto dal gruppo criminale che per aumentare i volumi di vendita inviava sui cellulari dei clienti abituali delle vere e proprie "offerte promozionali 3x2", pubblicizzando la possibilità di acquistare tre dosi al costo di due.

Duecento militari dell'Arma hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare che ha visto coinvolte 26 persone, indagate a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio di stupefacenti.

sconti mercato droga arresti catania
 carabinieri unità cinofila cani droga

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Catania, hanno consentito di scardinare un gruppo criminale a conduzione "familiare", operante nei Comuni di Catania, Misterbianco, Adrano, Mascalucia, San Giovanni La Punta e Piedimonte Etneo, che si occupava della vendita, all'ingrosso e al dettaglio, di partite di eroina, approvvigionando anche altre organizzazioni malavitose dell'hinterland catanese.

Dall'indagine è emerso un articolato sistema di gestione del traffico di stupefacenti, i cui proventi illeciti, stimati in diverse centinaia di migliaia di euro (circa 3.000 al giorno), venivano sia reinvestiti nel mercato della droga, attraverso l'acquisto di circa 3 chili di stupefacente al mese, che utilizzati per il mantenimento dei vertici dell'associazione e dei pusher, remunerati con una sorta di "stipendio fisso", più una "commissione" in base al quantitativo smerciato.