Si indaga sui soldi non spesi per mettere in sicurezza Casamicciola

Si indaga sui soldi non spesi per mettere in sicurezza Casamicciola

Il prefetto: 8 morti, 4 dispersi e 240 sfollati. Bufera su Pichetto Fratin che chiede la "galera il sindaco e chi ha permesso di costruire a Ischia"

ischia galera sindaco permesso costruire cercano dispersi

© Alessandro Serranò / Agf - I danni a Casamicciola

AGI -  Duecentomila euro per la pulizia degli alberi. Un milione per un intervento in un vallone a Casamicciola. Un altro mezzo milione per un intervento di messa in sicurezza. Fondi stanziati ma mai utilizzati, o utilizzati male.

E ancora, l'assenza di interventi di manutenzione dopo l'alluvione del 2009 oltre all'assenza del piano per il dissesto idrogeologico. L'inchiesta della Procura di Napoli, che ha aperto un fascicolo per disastro colposo contro ignoti, potrebbe presto prendere una direzione ben precisa.

Non solo l'abusivismo, ma anche tutto ciò che poteva essere fatto e che invece non è stato fatto e che ha portato a otto morti accertati e altri quattro corpi da recuperare. Già da ieri, tra fango e macerie, c'erano i carabinieri della forestale che con il supporto di droni hanno provato a repertare quante più prove possibili.

Adesso, si passeranno al vaglio tutti i documenti degli ultimi dodici anni. Dall'ultima alluvione, quella del 2009 che portò a morte e distruzione nello stesso vallone La Rita.

Intanto è polemica sulle parole di Gilberto Pichetto Fratin. "Secondo me basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti coloro che lasciano fare", si spinge a dire il ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica, sollevando un polverone, con i sindaci e l'Anci che protestano, e una forza di maggioranza, come la Lega, che si schiera al loro fianco.

"C'è qualcuno che vorrebbe arrestare i sindaci, mentre io li vorrei proteggere e liberare dalla burocrazia", scandisce, tranchant, Matteo Salvini, allundendo alla frase del collega di governo.

L'intervista radiofonica del ministro forzista è ripresa dalle agenzie di prima mattina. E i primi a protestare sono i Verdi. "Questo governo e il ministro Pichetto Fratin in particolare sono bravissimi a scaricare ipocritamente la responsabilità sugli altri", lamenta il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato dell'Alleanza Verdi e Sinistra Angelo Bonelli.

"Stamattina, parlando del disastro di Ischia, il ministro ha affermato che, secondo lui, basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti coloro che lasciano fare. Gli vogliamo ricordare che fa parte di un partito che ha legalizzato il cemento abusivo con ben due condoni edilizi targati Berlusconi e che Forza Italia ha costruito il suo consenso elettorale proprio sui condoni. Come se non bastasse, la maggioranza, in Campania, ha fatto campagna elettorale promettendo un nuovo condono edilizio".

"Le dichiarazioni del ministro Pichetto Fratin sono sconcertanti. Arrestare i sindaci? Per quale reato? Siamo di fronte ad una totale ignoranza delle norme del diritto amministrativo e ad un conflitto tra Istituzioni gravissimo", protesta il sindaco di Pollica (Salerno) e coordinatore dei Piccoli Comuni Anci Campania, Stefano Pisani.

Seguito a ruota da Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell'Anci. "Il commento del ministro Pichetto Fratin sulla tragedia di Ischia, mentre ancora si cercano i dispersi e si contano le vittime, è di una volgarità inaccettabile e denota una grave ignoranza dell'argomento", denuncia Decaro.

"Siamo sicuri che non rappresenti la linea del governo sul tema annoso e drammatico del dissesto idrogeologico del nostro territorio, delle sue responsabilità, e di chi e come ci si possa mettere riparo. Liquidare la questione scaricando tutta la responsabilità sui sindaci, addirittura auspicando che vengano 'messi in galera', è l'opposto di quello che un rappresentante delle istituzioni dovrebbe fare: ora dal ministro aspettiamo delle scuse verso i sindaci italiani".